Il ciclismo tutto piange Matteo Lorenzi, 17enne della US Montecorona deceduto dopo essere stato investito da un furgone nel pomeriggio di oggi mentre si recava con la propria bicicletta a un allenamento in provincia di Trento. La testimonianza dell’autista del furgone e di Gilberto Simoni, che conosceva Matteo.

Addio a Matteo Lorenzi, fatale l’incidente con un furgone La disperazione dell’autista del furgone La dura testimonianza di Gilberto Simoni L’ultimo saluto della US Montecorona

Addio a Matteo Lorenzi, fatale l’incidente con un furgone

Non ce l’ha fatta, Matteo Lorenzi, ciclista di Fornace al primo anno juniores con la US Montecorona rimasto vittima di un incidente mortale avvenuto intorno alle 15.30 di oggi a Civezzano, in provincia di Trento. Dopo il terribile scontro, sul posto, oltre ai sanitari, sono arrivati i Carabinieri di Trento, la Polizia locale e i vigili del fuoco di Civezzano.

Vani i tentativi di rianimare il giovane e il trasporto d’urgenza in elisoccorso al reparto di rianimazione dell’Ospedale Santa Chiara di Trento. Il 17enne è stato investito da un furgone in prossimità di una curva sulla provinciale 83 verso Civezzano mentre si stava recando all’allenamento con la squadra che in passato ha visto tra i suoi rappresentati anche Gilberto Simoni e Francesco Moser.

La disperazione dell’autista del furgone

Come riportato dall’edizione del Trentino del Corriere della Sera, disperato l’autista del furgone, che con le mani sul volto ancora a bordo strada avrebbe ammesso di “essere uscito dallo stop senza accorgersi dell’arrivo della bicicletta”. Spetterà alle Forze dell’Ordine accertare le dinamiche dell’accaduto. La notizia della scomparsa della giovane promessa naturalmente è arrivata anche nella carovana del Giro e ha reso tristissimo il post tappa di oggi.

La dura testimonianza di Gilberto Simoni

Sempre citando il CorSera, sull’episodio ha voluto far sentire la propria voce anche Gilberto Simoni. Il grande ex ciclista, due volte vincitore del Giro d’Italia che conosceva il 17enne perché membro del direttivo proprio della US Montecorona: “Mi sembra di rivivere la tragedia di Scarponi“.

[iol_placeholder type=”social_instagram” id=”C6wcAaPIdw8″ max_width=”540px”/]

“Venire a sapere della notizia di Matteo è stato un pugno allo stomaco“, ha proseguito Simoni: “Anche i ciclisti esperti, che conoscono le dinamiche della strada, di fronte alle negligenze degli autisti non possono fare niente. Chi ha l’auto cerca di essere padrone della strada“.

L’ultimo saluto della US Montecorona

Sulla propria pagina Instagram, la US Montecorona ha ricordato il giovane con un toccante post: “Con immenso dolore e gli occhi pieni di lacrime dobbiamo dire addio al nostro Matteo che oggi ci ha improvvisamente lasciati. Ci stringiamo ai suoi cari con rispettoso silenzio. Ricordando i bei momenti passati assieme ti salutiamo, ci mancherai tanto Matteo“.