Auguri messi da parte, gita fuori porta dimenticate: la Pasqua diventa il giorno di Jannik Sinner. Il tennista azzurro conquista il secondo “1000” della sua carriera, è il primo italiano a farlo da quando questa denominazione è stata usata dall’ATP. Ma soprattutto diventa l’idolo dei tifosi e degli italiani che nel giorno di festa si sono dedicati completamente a lui e a guardarlo battere Grigor Dimitrov.

Sinner: il paragone con Nadal Sinner: la profezia di Zverev McEnroe: “Negli ultimi sei mesi il migliore di tutti” Jannik trionfa e i social stuzzicano Pietrangeli

Sinner: il paragone con Nadal

E’ stato un torneo “diesel” per Jannik Sinner. Il tennista azzurro ha cominciato lentamente. Nel derby con Vavassori non era sembrato al meglio, nel match con Griekspoor ha sbandato in maniera evidente perdendo quello che poi sarebbe stato l’unico set della sua cavalcata a Miami. Ma è nel momento che conta che l’altoatesino ha alzato il volume, ha spinto sull’acceleratore e ha cominciato a guardare tutti nello specchietto retrovisore.

La semifinale con Medvedev e la finale con Dimitrov fanno subito saltare all’occhio un paragone: nelle ultime due partite del torneo ha perso solo 7 game (3 contro il russo, 4 contro il bulgaro); a fare meglio di lui nella storia dei Masters 1000 c’è solo Nadal che aveva conquistato il torneo di Montecarlo concedendo solo 6 giochi tra semifinale e finale e Ferrer e Verdasco.

Sinner: la profezia di Zverev

Ti rendi conto di essere arrivato al top quando sono i tuoi stessi colleghi a esaltarti. E sui social rispunta quella che potrebbe sembrare una vera e propria profezia. Le parole sono del tedesco Zverev, che a Miami si è fermato in semifinale contro Dimitrov: “Sinner a breve numero 1? Se continua così non sarà solo il miglio al mondo, ma lo sarà anche per i prossimi 10 anni”. Per il momento Jannik si deve godere la posizione numero 2 del ranking ATP e cominciare a pensare alla stagione sulla terra rossa, che è sempre stato il suo punto debole, ma che in vista delle Olimpiadi diventa ancora più importante.

McEnroe: “Negli ultimi sei mesi il migliore di tutti”

Se sono i tuoi colleghi a esaltarti, se lo fa una leggenda come John McEnroe lo è ancora di più. E lo statunitense non è uno che dispensa elogi al primo che passa. Decide però di utilizzare il suo account Twitter proprio per Jannik: “Sinner negli ultimi sei mesi è il miglior giocatore al mondo e neanche di poco”.

[iol_placeholder type=”social_twitter” url=”https://twitter.com/PatrickMcEnroe/status/1774537002450333862″ profile_id=”PatrickMcEnroe” tweet_id=”1774537002450333862″/]

Jannik trionfa e i social stuzzicano Pietrangeli

Nicola Pietrangeli non sempre è stato prodigo di complimenti di Jannik Sinner. A dire il vero a volte le sue parole sono state anche un po’ fraintese ma la sensazione è che il leggendario tennista italiano abbia vissuto con un po’ di difficoltà la scalata dell’altoatesino ai vertici del tennis mondiale e soprattutto della storia italiana in questo sport. Dopo la vittoria su Dimitrov i social non si lasciano scappare l’occasione e si lanciano all’attacco: “Pietrangeli dirà che quando ci giovava lui a Miami ci stavano i coccodrilli”, scrive Johnny. Mentre Rosto scrive: “Sinner è al secondo posto della classifica ATP subito dietro Nicola Pietrangeli”. E ancora: “In questo momento ho solo una domanda che mi tormenta: Nicola Pietrangeli che dice?”.