Arriva contro i campioni olimpici della Francia il primo stop dell’Italia nella VNL 2024. A Ottawa, nel debutto nella week 2, i ragazzi di De Giorgi cedono al tiebreak alla formazione transalpina (allenata da AndreaGiani) recriminando su alcuni passaggi chiave di una partita che è girata su pochi palloni, e nella quale la Francia è stata certamente più lucida nel corso del quinto è decisivo set. Per l’Italia il ko. non comporta una grossa perdita di punti nel ranking e tantomeno fa scattare allarmi in ottica qualificazione a Parigi, ma certamente qualche ombra la staglia sullo sfondo di una consapevole carenza in alcuni fondamentali.

Sbavature fatali: l’Italia si perde sul più bello Bene Russo e Galassi a muro, Michieletto non basta L’inserimento di Bovolenta, il quinto set compromesso De Giorgi: “C’è mancata un po’ di qualità, ma gioco ok”

Sbavature fatali: l’Italia si perde sul più bello

Soprattutto è la zona di posto 2 a destare preoccupazioni: Romanó ancora una volta va a corrente alternata, con De Giorgi costretto a sostituirlo con il giovane Alessandro Bovolenta a partire dal quarto set (poi l’opposto di Piacenza tornerà in campo nel quinto, ma a giochi praticamente già fatti) e l’Italia che fatica a trovare soluzioni per contrastare l’efficacia a muro dei francesi.

Che vincono 3-2 sfruttando piccole amnesie azzurre nei finali di primo e terzo set, dove l’Italia esce sempre meglio dai blocchi, ma dove strada facendo arriva sempre qualche imprevisto a sbarrare la strada a Giannelli e compagni. Il solo Michieletto (19 punti) stavolta non basta: gli azzurri rispondono bene anche a muro, (12-10, Russo ne firma 4), ma pagano i 20 errori al servizio e in generale qualche sbavatura di troppo nei momenti che contano. E di tempo per riordinare le idee non è che ce ne sia poi molto: stasera alle 22,30 italiane c’è la sfida con gli USA, altro test bello tosto per capire a che punto è il percorso di crescita della squadra.

[iol_placeholder type=”social_twitter” url=”https://x.com/volleypronews/status/1798542197677228439″ profile_id=”volleypronews” tweet_id=”1798542197677228439″/]

Bene Russo e Galassi a muro, Michieletto non basta

L’Italia era partita meglio nel primo parziale, avanti 5-2 grazie al primo muro di serata di Russo. Due ace di Seddik rimettono la Francia in carreggiata (9-9), con l’equilibrio che regna sovrano fino all’attacco vincente di Louati che punisce qualche imprecisione di troppo della difesa azzurra nel finale di parziale (25-22).

Simile è la partenza nel secondo set: avanti l’Italia sul 5-1 (bene Galassi), poi dopo un fugace rientro transalpino è Michieletto a tenere i compagni a distanza di sicurezza, con Galassi che ancora una volta a muro trova il modo per chiudere i conti e rimettere rapidamente il match in parità (25-18).

Nel terzo l’Italia conduce fino al 18-17, poi un paio di attacchi di Clevenot ribaltano l’inerzia di un parziale che si complica sul più bello, con Romanó che fatica in attacco (seppur gli azzurri ritrovino la parità a quota 22). Alla fine un pasticcio in ricezione favorisce il nuovo allungo dei Blues, che chiudono 25-23 togliendo qualche certezza ai rivali di sempre.

L’inserimento di Bovolenta, il quinto set compromesso

L’ennesimo errore di un Romanó che si perde nel momento più delicato del match convince De Giorgi a mandare in campo Bovolenta. L’Italia del quarto set è sempre sul pezzo è sempre avanti, seppur di poco: due muri di Galassi spezzano definitivamente la lancia a loro favore (15-11), un altro muro di Russo cesella la fuga e consegna un comodo 25-19 per andare al tiebreak.

Dove Bovolenta inizialmente rimane in campo, ma dove a differenza dei set precedenti è la Francia a partire forte, con Patry che la spinge sul 6-2 e poi sul’8-3 al cambio di campo. Louati e Clevenot nel finale alzano il ritmo e il 15-10 finale certifica il primo stop azzurro dell’estate (anche se è primavera) 2024.

De Giorgi: “C’è mancata un po’ di qualità, ma gioco ok”

Le parole di De Giorgi a fine gara lasciano trasparire un po’ di rammarico. “Sotto alcuni aspetti è stata brava la Francia a prendersi i punti più importanti del match, ma secondo me abbiamo concesso un po’ troppo quando la palla era più pesante.

In generale abbiamo lottato, nel senso che la partita si sapeva che sarebbe stata complicata e sicuramente ci è mancata un po’ di qualità, cosa che ci ha portato a gestire male alcune situazioni. Si tratta adesso di recuperare, di fare meglio quelle cose che non sempre hanno funzionato nella partita di domani. Non dobbiamo guardare il ranking, dobbiamo guardare il gioco. Oggi se abbiamo perso è perché alcune cose non le abbiamo fatte tanto bene.

Con gli USA sarà una partita tosta: sono un’ottima squadra squadra, adesso sono al completo, giocano con grande ritmo, quindi sarà una bella sfida anche domani come è stata quella di oggi. Dobbiamo essere belli carichi perché ci sarà da battagliare”.