La lunga guerra tra Russia e Ucraina, che va avanti da oltre due anni, continua inevitabilmente a creare sgomento anche nel mondo dello sport. Il jolly ucraino dell’Arsenal, Oleksandr Zinchenko, noto per aver fatto sentire più volte la sua voce riguardo la questione, è tornato a parlarne nel corso di un’intervista alla BBC.

Le dichiarazioni del difensore dell’Arsenal Zinchenko: “Spero finisca presto” Zinchenko e il passato in Russia: “Ho interrotto ogni comunicazione”

Le dichiarazioni del difensore dell’Arsenal

Zinchenko non ha dubbi. Dopo la decisione di Zelensky di ridurre l’età per la mobilitazione militare da 27 a 25 anni a causa della carenza di soldati, il giocatore ha dichiarato che se dovesse essere chiamato alle armi, sarebbe pronto ad andare a combattere in prima linea. “Penso che sia una risposta chiara, andrei a combattere”, ha confessato il difensore dell’Arsenal. L’ex Manchester City ha proseguito dicendo: “È difficile da capire, ho amici e colleghi con cui sono andato a scuola, ho giocato al parco o sul campo di calcio e ora devono difendere il nostro Paese. È molto difficile da accettare, ma non possiamo arrenderci”.

Zinchenko: “Spero finisca presto”

Oleksandr Zinchenko ha dimostrato molte volte l’amore per la sua patria. Lo fa attraverso il suo lavoro nel calcio, indossando la maglia della Nazionale Ucraina con cui è stato protagonista recentemente per averla trascinata agli Europei. Ma va oltre, dimostrandolo con azioni concrete come la donazione di 1,2 milioni di euro.

“Capisco che alcuni pensino che sia molto più facile per me essere a Londra invece che in Ucraina, ma in realtà spero solamente che questa guerra finisca presto”, ha dichiarato il terzino ucraino. Zinchenko è irremovibile: “Non dimenticheremo mai quello che hanno fatto a noi, al nostro popolo. Questo è quello che insegnerò ai miei figli e a loro volta ai miei nipoti. Ciò che hanno fatto è inaccettabile.

Zinchenko e il passato in Russia: “Ho interrotto ogni comunicazione”

Il difensore dei Gunners, noto per essersi sempre espresso apertamento sulla questione della guerra e ricordato per la frase “Ti auguro una morte dolorosa” riferendosi a Vladimir Putin, nella sua carriera da giocatore ha militato anche in una squadra russa, la FK Ufa. Tuttavia, l’ex giocatore del PSV e del Manchester City ha preso una netta posizione di distanza: “Pochi dei miei ex compagni di squadra mi hanno scritto, ma ho deciso di interrompere ogni tipo di comunicazione. Non li biasimo nemmeno. Non posso dire loro di uscire fuori e protestare perché so che potrebbero essere imprigionati”, ha concluso il giocatore ucraino.