L’incredibile finale di Real Madrid-Bayern Monaco farà discutere ancora a lungo. E non solo per la doppietta dell’eroe a sorpresa Joselu che ha consentito alla squadra di Ancelotti di volare in finale di Champions League, ma anche e soprattutto per il gol annullato a De Ligt nell’interminabile recupero del Bernabeu con Tuchel che ha gridato alla scandalo.

Champions, Real Madrid in finale ma è furia Bayern Monaco Gol annullato a De Ligt nel recupero: Tuchel grida allo scandalo E De Ligt svela la sorprendente confessione del guardalinee

Champions, Real Madrid in finale ma è furia Bayern Monaco

Sì, il Real Madrid non muore mai. Sotto di una rete in casa e dunque fuori dalla Champions fino all’88’, in tre minuti ha ribaltato il Bayern Monaco con Joselu staccando il pass per l’ultimo atto della competizione più nobile del Vecchio Continente. Niente derby tedesco: saranno i blancos a sfidare il Borussia Dortmund per la coppa dalle grandi orecchie. Ma c’è un episodio avvenuto nel recupero del big match del Bernabeu che ha fatto infuriare i bavaresi: il gol del possibile 2-2 annullato all’ex Juve De Ligt che avrebbe portato la sfida ai supplementari.

Gol annullato a De Ligt nel recupero: Tuchel grida allo scandalo

Sul banco degli imputati l’arbitro polacco Szymon Marciniak che ha annullato il gol che avrebbe potuto rimettere clamorosamente in corsa il Bayern Monaco in pieno recupero. Su segnalazione dell’assistente è stato fischiato infatti un fuorigioco a Mazraoui prima che l’azione terminasse con la rete del 2-2 di De Ligt. Le immagini, poi, non hanno certificato l’offside, perché probabilmente Rudiger teneva in gioco il terzino marocchino. Tuchel non ci sta, anche perché in occasione del gol di Joselu al Real è stato concesso di terminare l’azione, prima di verificare l’eventuale posizione di fuorigioco. “La scena finale è stata la ciliegina sulla torta: un disastro assoluto – ha commentato l’allenatore del Bayern -. Il secondo gol del Real Madrid mette fine alla partita. L’arbitro non era obbligato a fischiare: è una violazione delle regole, una decisione non in linea con il calcio moderno”.

E De Ligt svela la sorprendente confessione del guardalinee

Al termine della partita il difensore olandese del Bayern Monaco Matthijs de Ligt ha parlato dell’episodio che ha segnato la semifinale di Champions al Bernabeu: “Conosciamo tutti le regole: se il fuorigioco non è evidente bisogna lasciare che la partita continui. È stato un peccato. Con il gol di Joselu quasi in fuorigioco si è continuato, perché con noi no? È incredibile”. Poi l’ex Juve rivela cosa gli avrebbe detto l’assistente Tomasz Listkiewicz che ha alzato la bandierina. “Mi ha detto ‘mi dispiace, ho commesso un errore’”.