Si è fatto conoscere per il gran gol messo a segno contro l’Inghilterra nei quarti di finale dell’Europeo Under-17, ma Mattia Liberali non è una novità o una sorpresa. La serpentina con la 10 sulle spalle che ha permesso agli azzurrini di Massimiliano Favo di portare la gara sull’1-1 è, infatti, solo l’ultima magia di un talento destinato a un futuro importante. Scopriamo chi è Mattia Liberali, il centrocampista offensivo della Nazionale e del Milan di cui tutti parlano.

Il gol da capogiro all’Inghilterra Chi è Mattia Liberali Blindato dal Milan Il paragone con Foden

Il gol da capogiro all’Inghilterra

Una serpentina, con tanto di doppio passo, forza e intuito, che lascia sul posto l’intera retroguardia inglese, prima di far esplodere il sinistro radente che beffa Oliver Whatmuff. È arrivato così, il gol da capogiro contro l’Inghilterra nei quarti di finale dell’Europeo U17 che consacra Mattia Liberali tra le promesse – e le speranze – più interessanti del panorama calcistico italiano. Un gol che ha permesso all’U17 di rimettersi in carreggiata e prendersi la semifinale al termine di una gara vinta ai calci di rigore grazie alle parate di Alessandro Longoni e al penalty decisivo di Francesco Camarda, altri due talenti della Primavera rossonera.

Chi è Mattia Liberali

Diciassette anni compiuti lo scorso aprile, ma già apprezzamenti e numeri importanti. Mattina Liberali è un esterno destro che può agire anche come centrocampista offensivo. Nato a Carate Brianza il 6 aprile del 2007, è tra i perni della Primavera del Milan, due anni fa ha contribuito a portare sul tetto d’Italia i rossoneri U15 con la conquista del campionato di categoria. Nel corso dell’ultima stagione, sotto la guida di Ignazio Abate sono arrivati 15 gol in 39 presenze in tutte le competizioni, con tanto di finale in Youth League, poi persa contro l’Olympiacos.

[iol_placeholder type=”social_twitter” url=”https://twitter.com/UEFAUnder21/status/1796905083390542006″ profile_id=”UEFAUnder21″ tweet_id=”1796905083390542006″/]

Blindato dal Milan

In rossonero da quanto aveva 7 anni, nel luglio dello scorso anno il Milan lo ha blindato offrendogli il primo contratto da professionista. Un predestinato, da preservare e “proteggere”, anche se grazie alla sua professionalità, alla sua serietà e al suo talento ha già dimostrato di sapere quello che ci vuole per crescere e poter diventare un giocatore importante, uno di quei calciatori che l’Italia attende ormai da tempo.

Il paragone con Foden

Non è un caso, dunque, se uno che l’ambiente Milan lo conosce bene, come Alessandro Costacurta, si sia già voluto esprimere ed esporre in favore di Liberali in tempi non sospetti. Era più o meno un anno fa, quando Billy ha ammesso: “Chi mi ha colpito? Mattia Liberali, 2007 del Milan: è giovane e mi ricorda Foden…“. Un paragone che, dopo la rete all’Inghilterra acquisisce ancora più valore. I rossoneri ci sperano, anche perché, la Primavera promette davvero bene, con giocatori in rosa come Kevin Zeroli, Jan-Carlo Simic, Davide Bartesaghi, Francesco Camarda, Alessandro Longoni e, appunto, Mattia Liberali.