L’urna di Nyon strizza l’occhio alla Fiorentina, che ai quarti di finale di Conference League affronterà il Viktoria Plzen. Dunque, evitato lo spauracchio Aston Villa, sulla carta la favorita numero uno al successo finale.

Conference League, Fiorentina due volte fortunata: ecco perché Tutto sul Viktoria Plzen, terza forza del campionato ceco Ostacolo ceco per la Fiorentina: come gioca, le stelle e lo stadio

Conference League, Fiorentina due volte fortunata: ecco perché

Proprio così: la squadra di Vincenzo Italiano non ha evitato una big solo ai quarti, ma – in caso di passaggio del turno – anche in semifinale. Sì, perché il sorteggio di Nyon vedrà la vincente della doppia sfida tra Fiorentina e Viktoria Plzen affronterà la vincente tra Club Brugge e Paok, due squadre sicuramente alla portata della Viola. Primo confronto dei quarti in programma l’11 aprile in Repubblica Ceca, quindi il ritorno al Franchi il 18 aprile.

Tutto sul Viktoria Plzen, terza forza del campionato ceco

Dallo scorso luglio la squadra è stata affidata al 72enne Miroslav Koubek, che già aveva allenato in passato il Viktoria Plzen portando il club alla conquista del titolo nazionale nel 2014/15. Quest’anno, però, i rossoblu sono solo la terza forza del torneo. A comandare il campionato ceco è tornato il duo di Praga: Sparta e Slavia, rispettivamente avanti di nove e otto lunghezze. I sei volte campioni della Repubblica Ceca – nel 2021/22 l’ultimo successo – arrivano all’appuntamento con la Fiorentina dopo aver eliminato ai calci di rigore gli svizzeri del Servette. Non è stato un ottavo particolarmente spettacolare, dal momento che si è registrato un doppio 0-0. Per quanto riguarda il cammino nella Conference League, il club di Plzen ha chiuso al primo posto nel Gruppo C, che comprendeva Dinamo Zagabria, Astana e Ballkani, vincendo tutte e sei le partite.

Ostacolo ceco per la Fiorentina: come gioca, le stelle e lo stadio

Il Viktoria Plzen di Koubek si dispone sul rettangolo verde con il 3-4-2-1. Tra i giocatori da tener d’occhio senza alcun dubbio il 23enne trequartista Pavel Sulc, che in campionato è già andato a bersaglio addirittura 14 volte, trovando un gol anche in Conference. Altrettanto temibile è il 21enne nigeriano di Lagos – come Osimhen – Rafiu Durosinmi, autore di sei reti e altrettanti assist. E guai a sottovalutare il centravanti Thomas Chory. Il primo dei due atti dei quarti andrà in scena al ‘Mesta Plzne‘, casa del club ceco in grado di accogliere solamente 11mila tifosi.