L’appuntamento è per domani alle 10 a Palazzo Parigi, nel cuore della città. Nascerà qui la nuova Inter targata Oaktree, con l’assemblea dei soci che nominerà il nuovo CdA e il nuovo presidente che prenderà il posto di Zhang. Il Consiglio di Amministrazione sarà composto sempre da 10 membri. Ora si entra nella fase operativa.

Si parte con rinnovi e cessioni La nascita dell’Inter di Oaktree Chi potrebbe essere il nuovo presidente dell’Inter Inter, fase operativa e nuova strategia societaria

Si parte con rinnovi e cessioni

Ci sono infatti rinnovi da firmare (su tutti quello di Lautaro, a seguire quelli di Barella e Inzaghi), cessioni da mettere in pratica per far cassa e un calciomercato intero da programmare. Il primo passo sarà la nomina di un nuovo presidente nerazzurro, che sarà italiano e non più straniero. Inoltre, la concessione di più poteri e maggiore libertà finanziare, per gli ad Marotta e Antonello, potranno far sì che i nerazzurri non abbiano più gli stessi limiti di investimenti imposti dal presidente uscente. Tutte le novità dalla casa dei neo campioni di Italia, da poco bistellati.

La nascita dell’Inter di Oaktree

L‘inizio dell’era Oaktree per l’Inter sarà con un nuovo CdA composto da 10 membri. Non c’è stato tempo per convocare un’assemblea straordinaria che modificasse lo statuto. È quasi certo che saranno confermati gli amministratori delegati Antonello e Marotta, insieme a Carassai e Marchetti, uomini del fondo già nel CdA dal 2021. Marchetti era dato come candidato principale per la presidenza ma le sue azioni sono in calo. Si uniranno in CdA Cano, Ralph, Meduri e Ligori, che hanno già iniziato a lavorare presso la sede.

Chi potrebbe essere il nuovo presidente dell’Inter

Marchetti ha espresso dubbi sulla presidenza a causa degli impegni con il suo studio notarile. Anche Carassai è troppo impegnato per una carica così esigente. Zanetti si è proposto, ma Oaktree preferisce un profilo italiano, giovane, istituzionale, che mantenga i rapporti con Figc e Lega. Soltanto domani verrà svelato il nome del nuovo presidente; Oaktree spinge per Marotta che finora ha sempre tentennato. L’alternativa è il banchiere Gerardo Braggiotti.

Inter, fase operativa e nuova strategia societaria

Una volta definito l’organigramma, si passerà alla fase operativa. Dopo gli incontri preliminari dei giorni scorsi, i rappresentanti della nuova proprietà inizieranno a stabilire le linee guida per le diverse aree del club e affronteranno il tema dello stadio, considerato cruciale per incrementare i ricavi. Non è escluso che, oltre al piano di ristrutturazione di San Siro che WeBuild presenterà entro fine giugno, verranno assegnate nuove deleghe, inclusi i poteri di firma sul mercato per Antonello e Marotta. Nella gestione precedente, questi poteri erano limitati a 20 milioni di euro; per importi superiori, era necessario il via libera di Steven Zhang.

Clicca qui per le ultimissime notizie dell’Inter