Occhi lucidi, felicità e tanta rabbia nel finale, con un comportamento da condannare nei confronti dei giornalisti. Con questo climax di emozioni Allegri ha salutato la Juventus. Un finale che sa di addio, dopo il diverbio con Giuntoli pizzicato dalle telecamere e quel “lascio” che gli è sfuggito nel posto partita. “Deciderà la società“, si è poi corretto così. E nella mente del direttore sportivo i piani sono abbastanza chiari per costruire un nuovo ciclo.

Giuntoli, la Juve e il nuovo allenatore Juve, il destino di Vlahovic e Chiesa Juventus, occhi sul mercato

Giuntoli, la Juve e il nuovo allenatore

Tutte le strade portano a Bologna. Giuntoli sembra ormai aver scelto il successore di Allegri e dovrebbe essere Thiago Motta, da tempo seguito dai bianconeri. La grande impresa con i rossoblù ha convinto definitivamente la dirigenza della Vecchia Signora, disposta ad offrire all’allenatore un biennale, con opzione per il terzo anno, da 3.5 milioni di euro.

La stagione sta per terminare, anche se per queste due squadre può dirsi già conclusa. Obiettivi raggiunti e un pensiero già sul prossimo campionato. La volontà degli emiliani sarebbe quella di trattenere il proprio tecnico, ma non forzerà le sue scelte: “Rispetteremo la sua volontà”, ha detto nei giorni scorsi il ds dei rossoblù Marco Di Vaio. Intanto Bologna e Juve si affronteranno lunedì 20 maggior al Dall’Ara, una buona occasione per accelerare la trattativa.

Juve, il destino di Vlahovic e Chiesa

La Juventus ha due certezze: l’amore per la maglia di Vlahovic e Chiesa. Il serbo lo ha dimostrato trascinando la squadra in campo e anche fuori. E di certo la personalità non gli manca: L’anno prossimo punteremo a vincere tutto – ha detto il bianconero. L’attaccante italiano ha ribadito la sua voglia di riscatto davanti le telecamere: “Il pensiero è restare alla Juve e prenderci delle rivincite”.

La palla passerà a Giuntoli che dovrà fare i conti anche con la sostenibilità della società. La qualificazione alla Champions League, al Mondiale per Club e la vittoria della Coppa Italia, senza dimenticare la futura Supercoppa, daranno sicuramente una mano alle casse del club. Il conto alla rovescia per il mercato è iniziato e anche Elkann sembra fiducioso: “Guardiamo al futuro con ottimismo e speranza, abbiamo dei giovani straordinari”. Ora in dirigenza dovranno pensare a chi aggiungere per rafforzare la rosa e allargarla in vista dei tanti impegni.

Juventus, occhi sul mercato

Il mercato della Juventus dipenderà anche da alcune scelte, a partire dal rinnovo di Rabiot e dalle possibili offerte monstre per Bremer. Nessuno è incedibile e la dirigenza valuterà. I nomi sul taccuino di Giuntoli sono molti, anche se per ora è difficile parlare di trattative. Da Gudmunddson a Koopmeiners, in lista emerge il talento e Giuntoli dopo lo scorso mercato estivo in standby, avrà l’occasione di scoprire le proprie carte.