C’è un nuovo problema con cui la Juventus deve fare i conti: il mancato rispetto dei requisiti contabili concordati con l’UEFA. Un problema non di secondo ordine, se è vero che Paolo Ziliani su X e su Substack scrive addirittura di rischio esclusione dalle coppe per il club bianconero nella stagione 2026-27. La colpa? Del passivo record della Vecchia Signora, che nel prossimo bilancio chiuderà addirittura sotto di 200 milioni.

Juve a rischio esclusione: l’attacco di Ziliani I debiti del club bianconero: -324 milioni in due anni Vlahovic, Koopmeiners, Rabiot: i dubbi sul piano di rientro

Juve a rischio esclusione: l’attacco di Ziliani

Scrive Ziliani sui social: “La sapete l’ultima? La Juventus è a rischio esclusione coppe 2026-27. I requisiti contabili richiesti dall’UEFA sono già saltati Dopo la squalifica di un anno fa, Madama era tenuta a non accumulare più di 60 milioni di passivo nel 2023, 2024 e 2025. Ebbene, a fine giugno ne farà 200, un anno fa erano stati 124. Intanto stipendia Vlahovic a 24 milioni lordi e vuole acquistare Koopmeiners a 60. Incombe un nuovo aumento di capitale da 200 milioni. Siamo alla follia: e come sempre tutti tacciono”.

[iol_placeholder type=”social_twitter” url=”https://twitter.com/ZZiliani/status/1798851039824654613″ profile_id=”ZZiliani” tweet_id=”1798851039824654613″/]

I debiti del club bianconero: -324 milioni in due anni

Secondo il giornalista de Il Fatto Quotidiano la Juventus anzitutto dovrà sborsare i dieci milioni di multa “tenuti in sospeso” dall’UEFA al momento dell’esclusione dalle coppe per il 2023-24, decisa lo scorso 28 luglio. Inoltre, tra i requisiti contabili che l’UEFA richiede a tutte le società, c’è il divieto di accumulare passivi superiori a 60 milioni nei tre anni oggetto di investigazione, in questo caso 2023, 2024 e 2025. L’esercizio 2022-23 di Madama si è chiuso con 124 milioni di passivo, quello 2023-24 – come annunciato – a quota -200. Al momento, dunque, è sotto di 324.

Vlahovic, Koopmeiners, Rabiot: i dubbi sul piano di rientro

Si chiede Ziliani: “Come farà il club a presentarsi davanti all’organo di controllo UEFA con un aggregato di passivo che non superi i 60 milioni per i tre anni sotto osservazione?”. Dubbio in effetti lecito, se si pensa che sulle casse della Juve pesano stipendi robusti come quelli di Vlahovic (24 milioni lordi a stagione) e che sono previsti investimenti molto onerosi sul mercato: 60 milioni per Koopmeiners, 20 per Di Gregorio. Per non parlare del difficile rinnovo di Rabiot, che oggi guadagna 15 milioni lordi. Come farà Giuntoli a rientrare da -324 a -60? “Nemmeno un nuovo aumento di capitale da 200 milioni basterebbe”, fa notare Ziliani. E il rischio potrebbe essere un nuovo ban dalle competizioni europee.