Non sta avendo una stagione facile l’arbitro Marcenaro, scelto da Rocchi per Lecce-Roma. In stagione ha sbagliato diverse prove, con Napoli-Cagliari (quando annullò un gol regolare a Marcenaro) e Inter-Lecce (quando prese più di un abbaglio) come casi recenti. Pubblicamente sfiduciato da Mourinho – quando era allenatore della Roma, prima della gara con il Sassuolo, Marcenaro ha al suo attivo in A 24 direzioni, l’ultima prima della sosta in Monza-Cagliari ma come se l’è cavata ieri al via del Mare?

Clicca qui per vedere gli highlights di Lecce-Roma

I precedenti di Marcenaro con Lecce e Roma L’arbitro ha ammonito 5 giocatori Lecce-Roma, i casi da moviola Per Marelli non c’è il rigore per la Roma

I precedenti di Marcenaro con Lecce e Roma

Nei due precedenti con la Roma, entrambi in questa stagione contro Cagliari e Sassuolo, la squadra di De Rossi aveva ottenuto due vittorie. Prima del suo esordio con i giallorossi, Marcenaro era stato punzecchiato da Mourinho. L’arbitro era stato designato per la gara contro il Sassuolo dello scorso dicembre e, alla vigilia della partita, lo Special One aveva dichiarato: “La sensazione è che non penso abbia la stabilità emozionale per partite di questo livello”. Tre i precedenti col Lecce; una vittoria, un pareggio ed una sconfitta. I salentini hanno dapprima battuto la Ternana per 1-4, fuori casa, mentre al Maradona hanno fermato il Napoli di Spalletti sul punteggio di 1-1. Infine, Marcenaro ha diretto la sconfitta arrivata contro l’Inter a San Siro: 2-0. Partita in cui il direttore di gara aveva assegnato un rigore ai salentini, successivamente annullato con on field review.

L’arbitro ha ammonito 5 giocatori

Coadiuvato dagli assistenti Mondin e Moro con Marinelli IV uomo, Paterna al Var e Di Paolo all’Avar l’arbitro ha ammonito cinque giocatori di cui due della squadra di De Rossi: 11′ p.t. Ndicka (R), 38′ p.t. Piccoli (L), 45′ p.t. Baschirotto (L), 36′ s.t. Ramadani (L), 39′ s.t. Cristante (R)

Lecce-Roma, i casi da moviola

Questi gli episodi dubbi. All’11’ proteste romaniste per il giallo a Ndicka. La trattenuta su Krstovic che porta all’ammonizione è lontana dalla porta e comunque non eccessiva, il giallo è davvero fiscale. Errore opposto poco dopo: manca un giallo a Ramadani per un fallo in ritardo su Paredes. Al 55’ Blin e Falcone franano addosso a Zalewski che aveva controllato il pallone in area, l’arbitro non concede il rigore. Infine all’84’ Cristante si prende l’ammonizione per un fallo in scivolata su Blin ma in realtà tocca il pallone.

Per Marelli non c’è il rigore per la Roma

A fare chiarezza sui casi di Lecce-Roma, e in particolare sul rigore negato, è l’esperto di Dazn Luca Marelli che spiega: “”Il Var non sarebbe intervenuto anche se avesse fischiato rigore. Ci sono immagini su cui discutere, per me non è rigore perché non c’è contatto tra Blin e Zalewski, che poi si tocca la gamba destra ma non viene toccato da nessuno. L’uscita di Falcone è irruenta, perché doveva coprire la porta per impedire il tiro, poi c’è lo scontro ma è una dinamica di gioco, due giocatori che si muovono in senso opposto sono portati a scontrarsi. Queste cose non dovrebbero mai essere oggetto di un fischio per rigore. Si tratta di una valutazione di campo, non ci sarebbe stato chiaro ed evidente errore. È la mia lettura personale, ma ci sono anche punti per sostenere che fosse rigore, ma sono predominanti quelli per il contrario”.