Il Milan ingrana la quinta. Battuto anche il Lecce (3-0), centrata la quinta vittoria di fila in campionato– mai successo prima in stagione – settima compresa le coppe e secondo posto blindato. Iniziano al meglio le prove per l’Europa League e per la sfida alla Roma. E se la gara d’andata tra le due squadre aveva visto la grande rimonta del Lecce per 2-2 (con il 3-2 dei giallorossi annullato nei minuti finali), questa volta non c’è stata proprio partita. Sta bene, benissimo la squadra di Pioli che alle antiche certezze – Pulisic su tutti, con l’americano a quota 10 gol in campionato, suo record assoluto, grazie alla prodezza che ha sbloccato la gara dopo soli 6’ – sta unendo piacevoli sorprese come quella di Chuckwueze, scatenato oggi. E dire che il Lecce versione Gotti ha confermato di avere piglio e personalità, ha sfiorato subito il gol in avvio, ha colpito una traversa con Gonzalez e non è mai scomparso dalla partita anche quando Giroud al 20’, con una frustata, ha segnato il secondo gol. A dare veramente la mazzata ai pugliesi l’espulsione diretta prima dell’intervallo per Krstovic, reo di gioco pericoloso su Chuckwueze secondo l’arbitro Massimi. Ripresa in scioltezza per il Milan che gigioneggia un po’ prima di trovare il terzo gol con Leao, complice anche l’arbitro Massimi che non interrompe il gioco con Amqvist a terra dopo aver subìto un colpo alla testa. Potrebbero arrivare altri gol (c’è anche una traversa di Theo) ma basta così. Il Milan sale a 68 punti (-11 dall’Inter) e può pensare alla sfida di Europa League con la Roma, il Lecce resta 13esimo a 29 punti, ancora in zona pericolosa.

Milan-Lecce, la chiave tattica della partita Milan, cosa ha funzionato Milan, cosa non ha funzionato Le pagelle del Milan I top e flop del Lecce Milan-Lecce: il tabellino del match

Milan-Lecce, la chiave tattica della partita

Nessuna sorpresa tattica per i padroni di casa che si affidano al solito 4-2-3-1 ma con alcune novità di formazione in vista del turnover per l’Europa League: Pulisic sulla trequarti prende il posto di Loftus-Cheek; Adli al posto di Bennacer in mediana e Gabbia al posto di Thiaw. Il Lecce di Gotti, invece, cambia e torna al 4-3-3 anziché confermare il 4-4-2 visto nella precedente gara contro la Roma. I rossoneri costruiscono gioco dal basso con i difensori che scambiano palla con i due mediani; il Lecce per arginare il gioco rossonero aumenta la densità in fase di pressing e alza, oltre i suoi tre attaccanti, anche le due mezzale sui portatori palla avversari. Nel secondo tempo il Lecce inserisce Almqvist e Piccoli al posto di Banda e Gonzalez e passa al 4-4-1 con Dorgu che viene spostato sulla fascia sinistra. Il Milan attende l’avversario e riparte in contropiede, sfrutta la velocità dei suoi esterni per chiudere la gara.

Clicca qui per rivivere tutti i momenti salienti di Milan-Lecce

Milan, cosa ha funzionato

Inizio perfetto, gioco non spumeggiante ma altamente prolifico a livello di realizzazioni offensive.

Milan, cosa non ha funzionato

Nell’addormentare la partita, il Milan concede qualcosa in più al Lecce che si infiamma in più occasioni e colpisce anche una traversa con Gonzalez.

Le pagelle del Milan

Maignan 6.5. Para di tutto e si fa trovare sempre pronto sui pochi interventi da compiere. Calabria 6. Non spinge eccessivamente ma amministra il gioco e contiene gli avversari: prima Banda e dal 2t Dorgu. Gabbia 6.5. Abile in fase di chiusura, in fase di costruzione dal basso si propone e si alza in linea con i centrocampisti. Kjaer 6 (dal 61′). Tomori 6. Non sbaglia praticamente un passaggio realizzandone il 98% correttamente. Recupera vari palloni pericolosi e non fa girare Krstovic nel primo tempo. Hernandez 6.5. Resiste sugli attacchi avversari, copre bene in difesa. Colpisce una traversa che gli nega il 4-0. Terracciano sv (dall’ 83′). Adli 7. Bene a centrocampo, non perfetto in regia ma resiste al pressing avversario. Da calcio d’angolo fa assist per Giroud al 20′. Secondo assist al 57′ per Leao con palla in profondità. Reijnders 6. Non brilla in fase di costruzione ma resta abile nei movimenti offensivi e quando si alza in avanti sulla trequarti. Bennacer 6 (dal 78′). Chukwueze 6.5. Parte forte dall’inizio e si scatena sulla fascia destra, fa assist per Pulisic dopo 6 minuti. Pulisic 7.5. Apre la gara dopo 6 minuti con un gol spettacolare di sinistro a giro dal limite dell’area. Musah 6 (dal 61′). Leao 7.5. Si inserisce in profondità, supera sul piano della velocità Venuti che non riesce a chiudere e mette la palla in rete. Giroud 7. E’ in un momento di grazia e anche una palla non perfetta la riesce a tramutare in gol: da calcio d’angolo, tocca il pallone di testa in modo non perfetto e riesce ad angolarlo quanto basta per mandarlo in rete. Jovic 6 (dal 61′).

I top e flop del Lecce

Gonzalez 6.5. Vicinissimo al gol nei minuti iniziali, colpisce una traversa al 28′. Ramadani 6. Amministra bene il gioco e i passaggi, abile nei dribbling. Cala nel secondo tempo ma si conferma tra i migliori a centrocampo. Venuti 5.5. Gioca una discreta partita ma cala nel secondo tempo e al 57′ si fa bruciare in velocità da Leao che trova lo spazio in profondità e la rete. Krstovic 4.5. Prende un rosso diretto a fine primo tempo per aver commesso un fallo su Chukwueze con gamba testa in volo che colpisce in pieno il costato del giocatore avversario.

Milan-Lecce: il tabellino del match

Milan: Maignan, Calabria, Adli, Giroud (16’ st Jovic), Leao, Pulisic (16’ st Musah), Reijnders (32’ st Bennacer), Hernandez (38’ st Terracciano), Chukwueze, Tomori, Gabbia (16’ st Kjaer). A disposizione: Sportiello, Nava, Bennacer, Okafor, Florenzi, Simic, Zeroli, Bartesaghi. Allenatore: Stefano Pioli

Lecce: Falcone, Pongračić, Baschirotto, Krstović, Venuti (24’ st Gendrey), Dorgu (40’ st Pierotti), Gonzalez (1’ st Almqvist), Ramadani, Banda (1’ st Piccoli), Gallo, Blin (32’ st Berisha). A disposizione: Brancolini, Samooja, Rafia, Oudin, Sansone, Touba. Allenatore: Luca Gotti

Arbitro: Luca Massimi di Termoli

Marcatori: 6’ pt Pulisic, 20’ pt Giroud, 12’ st Leao

Note. Ammoniti: 34’ pt Blin, 32’ st Bennacer. Espulsi: 45’ pt Krstović
Recupero: 3’ pt – 4’ st

Clicca qui per rivedere tutti i risultati stagionali del Milan