Missione Zirkzee. Il Milan ha scelto l’erede di Giroud: l’attaccante del Bologna piace e anche tanto. Ma non sarà facile battere la concorrenza. I rossoneri hanno pronto un piano per convincere il club romagnolo: basterà?

Milan, tutto su Zirkzee: per l’attacco è l’obiettivo numero uno Ecco come il Milan vuole a provare a convincere il Bologna Le minacce arrivano dall’estero: dal Bayern al solito United

Milan, tutto su Zirkzee: per l’attacco è l’obiettivo numero uno

Ventidue anni, dieci gol in campionato, quattro assist e numeri d’alta scuola: così Joshua Zirkzee è riuscito a mettere tutti d’accordo. Tra i protagonisti assoluti del Bologna di Thiago Motta che è ad un passo dalla qualificazione alla prossima edizione della Champions League, l’olandese si appresta a essere uno degli uomini mercato dell’estate. Piace in Italia e piace anche all’estero, per cui bisogna provare a bruciare la concorrenza. Il Milan è pronto a consegnargli le chiavi dell’attacco e offrirgli la possibilità di poter competere per il campionato, oltre alla visibilità del palcoscenico internazionale della Champions.

Ecco come il Milan vuole a provare a convincere il Bologna

Quanto vale Zirkzee? Secondo La Gazzetta dello Sport, il Bologna ha come modello di riferimento la cessione di Hojlund al Manchester United, che ha versato nelle casse dell’Atalanta 75 milioni più di 10 di bonus. Una cifra fuori dalla portata del Milan, che, però, una carta da giocare: Saelemaekers, che il club felsineo può riscattare in cambio di una decina di milioni. L’idea sarebbe quella di dar vita a un’unica maxi operazione dal valore di circa 50 milioni per far vacillare gli emiliani, ai quali non dispiacerebbe trattenere il JZ un’altra stagione in caso di Champions.

Le minacce arrivano dall’estero: dal Bayern al solito United

Va ricordato che il Bayern Monaco vanta un’opzione da 40 milioni da esercitare a fine stagione. Ma Zirkzee non sembra propenso a tornare in Germania, anche perché sarebbe chiuso da Harry Kane, a cui difficilmente sottrarrebbe minuti. Resta il pericolo Premier. Il Manchester United è alla perenne ricerca di una punta in grado di garantire un massiccio numero di gol e anche l’Arsenal potrebbe farci un pensierino. La squadra di Arteta, da sempre attenta ai giovani talenti, sarebbe perfetta per le caratteristiche dell’olandese, che ha comunque un debole per la Serie A. L’Italia nel cuore. Un debole da sfruttare – è proprio il caso di dirlo – a ogni costo.