Non sta avendo una stagione facile l’arbitro Marcenaro, scelto da Rocchi per Monza-Cagliari. In stagione ha sbagliato diverse prove, con Napoli-Cagliari (quando annullò un gol regolare a Marcenaro) e Inter-Lecce (quando prese più di un abbaglio) come casi recenti. Pubblicamente sfiduciato da Mourinho – quando era allenatore della Roma, prima della gara con il Sassuolo, Marcenaro ha al suo attivo in A 23 direzioni, 111 ammonizioni, 1 cartellino rosso per doppio giallo, 7 espulsioni dirette e 8 calci di rigore concessi, ma come se l’è cavata ieri pomeriggio?

I precedenti di Marcenaro con Monza e Cagliari L’arbitro ha ammonito tre giocatori Monza-Cagliari, i casi da moviola

I precedenti di Marcenaro con Monza e Cagliari

Erano 5 gli incroci ufficiali – di cui 3 in Serie C e 2 in Serie A – tra Marcenaro e il Monza. Il bilancio era di 2 vittorie e 3 sconfitte. Erano, invece, 3 le gare dirette dal fischietto di Genova con il Cagliari con uno score di 1 pareggio (contro l’Hellas Verona nella Serie A 2021-2022) e 2 sconfitte (contro Napoli e Roma nel campionato di A attualmente in corso).

L’arbitro ha ammonito tre giocatori

Coadiuvato dagli assistenti Niccolò Pagliardini della sezione di Arezzo e Giuseppe Di Giacinto della sezione di Teramo, con Bonacina IV uomo, al VAR Paterna e all’Avar Aureliano l’arbitro ha ammonito tre giocatori: Izzo, Deiola, Bondo. Recupero: 1′, 5’+1.

Clicca qui per la cronaca di Monza-Cagliari

Monza-Cagliari, i casi da moviola

Questi i principali episodi dubbi. Al 17’ proteste del Monza che chiede un rigore per un mani di Deiola, l’arbitro lascia correre e il Var tace. Al 42’ su punizione Maldini con il destro calcia forte e preciso appena sotto la traversa, la palla la colpisce e sbatte oltre la linea. L’orologio dell’arbitro Marcenaro segnala che la sfera è entrata tutta ed è gol. Nella ripresa al 2’ ancora proteste del Monza per un tocco di mano ancora di Deiola in area. L’arbitro lascia giocare, il braccio sembra attaccato al corpo. Infine al 23’ viene annullato per fuorigioco il gol di Lapadula che aveva girato splendidamente in acrobazia oltre Di Gregorio. La segnalazione a Marcenaro arriva dall’assistente.