Benvenuti al festival degli eurogol, bentornato Napoli. Sono le 16:21 quando il Napoli si sveglia dal sonnellino pomeridiano domenicale durato ben 45 minuti e si scatena, ribaltando la gara e vincendo fuori casa per 4-2 contro il Monza. In cinque minuti, dal 55’ al 60’, i partenopei raddrizzano una partita nata malissimo, segnano tre reti da copertina con Osimhen, Politano e Zielinski e con il 4-2 all’U-Power Stadium forse riescono a raddrizzare in parte una stagione da incubo nonostante gli affanni a gestire una gara pazza che ha vissuto momenti contrastanti. In un clima surreale, con lo sciopero del tifo per 15′ degli ultrà napoletani che poi hanno pesantemente contestato De Laurentiis e la squadra, la partita è iniziata con la solita inerzia negativa degli azzurri, che vanno subito sotto: su cross di uno scatenato Zerbin vola alto Djuric e segna il suo primo gol stagional. Dopo due possibili rigori negati ai partenopei e un’inerzia comunque negativa, cambia tutto nella ripresa. Prima Osimhen vola in cielo e spedisce in rete di testa, poi Politano s’inventa un tiro al volo dalla distanza all’incrocio. Ma la festa non finisce qui: anche Zielinski segna un gol spettacolare, di sinistro da fuori area sotto all’incrocio dei pali. Tutto in 5’. La riapre subito Colpani con un’altra perla ma a chiudere i giochi ci pensa Raspadori, appena entrato in campo. Presto per dire se il Napoli è guarito ma alcuni momenti adrenalinici ed entusiasmanti hanno ricordato il cammino trionfale dello scorso anno. L’Europa resta lontana, con il Napoli che sale al settimo posto a 48 punti e scavalca la Lazio, mentre il Monza – che sognava l’aggancio – resta a quota 42 senza ripetere il colpaccio dello scorso anno quando in casa vinse, nel finale di stagione, per 2-0 contro i neo Campioni di Italia.

Monza-Napoli, la chiave tattica della partita Napoli, cosa ha funzionato Napoli, cosa non ha funzionato Le pagelle del Napoli I top e flop del Monza Monza-Napoli: il tabellino del match

Monza-Napoli, la chiave tattica della partita

Il Monza conferma il suo rodato 4-2-3-1 mentre il Napoli di Calzona propone l’immutabile 4-3-3. Per i partenopei le novità di formazione sono tre: Olivera al posto di Mario Rui, Zielinski che torna titolare a centrocampo e Ngonge al posto di Politano in attacco. I padroni di casa alle spalle di Djuric schierano Colpani sulla destra, Dani Mota e l’ex Napoli Alessio Zerbin sulla fascia sinistra. Il Monza in fase di non possesso porta cinque difensori all’interno dell’area per raddoppiare su tutti gli attaccanti avversari con l’aiuto degli esterni che si alzano in pressione. Il Napoli in fase di costruzione è lasciato libero di partire dal basso ma trova una fortissima pressione sul centrocampo con Lobotka chiuso da due uomini.

Nel secondo tempo il Napoli sostituisce Ngonge e con Politano al suo posto già ritrova una scossa diversa: autore del gol del 2-1; Raspadori al posto di Kvara è un’altra intuizione di Calzona che aiuta gli azzurri a schiacciare il Monza.

Clicca qui per rivivere tutti i momenti salienti di Monza-Napoli

Napoli, cosa ha funzionato

Dal secondo tempo cambia musica: super reazione al Monza, gli azzurri ribaltano la gara con gol stratosferici e azioni da manuale.

Napoli, cosa non ha funzionato

Nel primo tempo i partenopei restano sotto tono e concedono al Monza qualche palla gol di troppo, oltre alla rete in avvio di gara.

Le pagelle del Napoli

Meret 6. Subisce due gol ma sono entrambi dei capolavori del Monza, forse sul primo poteva far meglio in uscita. Di Lorenzo 5.5. Sfrutta un rimpallo in area ma si divora l’opportunità del pareggio quando, al 16′, spara alto a due passi dal portiere. Rrahmani 6. Ordinaria amministrazione della difensa, meglio lui che il compagno al suo fianco. Juan Jesus 5. Si fa anticipare da Djuric che gli sfugge in marcatura e trova la rete di testa al 9′. Olivera 6. Non al meglio della forma, spinge ma non trova spunti pericolosi con i suoi cross. Si infortuna nel finale e lascia il posto a Mario Rui (sv). Lobotka 6. Amministra il gioco sebbene venga marcato stretto dai centrocampisti avversari. Anguissa 6.5. Nel secondo tempo si sveglia e fornisce un grande cross dalla destra per Osimhen che si tramuta in assist. Zielinski 7.5. Fornisce un buon passaggio in area per Ngonge che segna anche ma è in fuorigioco. Porta il Napoli sul 3-1 con un altro gol pazzesco dal limite dell’area, con tiro di sinistro culminato all’incrocio dei pali. Cajuste 6 (dal 68′). Ngonge 5.5. Al 49′ il belga batte Di Gregorio con un mancino preciso ma è tutto fermo per fuorigioco. Politano 7.5 (dal 55′).Entra nel secondo tempo e dopo soli due minuti fa un gol incredibile, al volo, di sinistro sul secondo palo dal limite dell’area. Osimhen 7. Sfrutta un assist di Anguissa che lo coglie in area su cross dalla destra, sale in cielo e segna di testa ma perde l’equilibrio e sbatte la testa a terra ma si riprende subito. Kvaratskhelia 5.5. Prova ad essere pericoloso ma si fa più apprezzare per la buona volontà che per la riuscita della giocata, vari errori sotto rete su palle gol decisive. Raspadori 7 (dal 67′).Entra e segna dopo soli 15 secondi: spinge la palla in rete sfruttando una parata maldestra di Di Gregorio.

I top e flop del Monza

Colpani 7.5. Sulla fascia destra fa fuori Olivera e dopo una finta arriva al gol, di sinistro a giro sul secondo palo. Djuric 7. Anticipa Juan Jesus sul tempo e in elevazione trova un gol di testa sul secondo palo. Zerbin 7. Aggancio al volo e assist perfetto con cross di sinistro per Djuric che trova la rete. Birindelli 6. Abile nelle chiusure su Kvara, spinge in modo adeguato ma è più attento a difendere per non lasciare buchi dietro. Di Gregorio 5. Alcune buone parate nel primo tempo e una decisiva su Kvaratskhelia lanciatissimo in porta, nel secondo tempo para in modo maldestro e concede a Raspadori di fare il 4-2. Subisce 4 gol ma su 3 è incolpevole.

Monza-Napoli: il tabellino del match

Monza (4-2-3-1): Di Gregorio; Birindelli (30′ st Kyriakopoulos), Izzo, Pablo Marì, Caldirola; Akpa Akpro (9′ st Bondo), Gagliardini (30′ st Carboni); Colpani, Mota (26′ pt Maldini), Zerbin (9’st Ciurria); Djuric. All. Palladino.

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Olivera (35′ st Mario Rui); Anguissa, Lobotka, Zielinski (22′ st Cajuste); Ngonge (9′ st Politano), Osimhen, Kvaratskhelia (22′ st Raspadori). All. Calzona.

Arbitro: Doveri di Roma

Reti: 9′ pt Djuric (M), 10′ st Osimhen (N), 12′ st Politano (N), 15′ st Zielinski (N), 17′ st Colpani (M), 23′ st Raspadori (N)

Note: Ammoniti Ngonge (N), Akpa Akpro (M), Donati (M), Caldirola (M)

Clicca qui per rivedere tutti i risultati stagionali del Napoli