È sempre Real Madrid. È sempre Ancelotti. A Wembley i blancos battono 2-0 il Borussia Dortmund e conquistano la 15a Champions League della loro storia. Per Re Carlo la quinta da allenatore: sempre più leggenda. I tedeschi ci provano, ma poi crollano sul più bello: Carvajal apre le danze, il fenomenale Vinicius chiude i conti. Le pagelle di Borussia Dortmund-Real Madrid, top e flop della finale di Wembley e il tabellino nella nostra analisi.

Borussia Dortmund-Real Madrid, la chiave della partita Real Madrid, che cosa ha funzionato Borussia Dortmund, che cosa non ha funzionato Le pagelle del Borussia Dortmund Le pagelle del Real Madrid Il tabellino di Borussia Dortmund-Real Madrid

Borussia Dortmund-Real Madrid, la chiave della partita

Squadra che vince non si cambia ed è per questo motivo che Terzic si affida agli stessi undici che hanno battuto il PSG in semifinale, con la velocità di Sancho e Adeyemi al servizio del terminale offensivo Füllkrug. Ancelotti sceglie Courtois tra i pali, al debutto in Champions; per il resto nessuna sorpresa: tocca al grande ex Bellingham rifornire Rodrygo e Vinicius.

Rivivi tutte le emozioni di Borussia Dortmund-Real Madrid

La prima grande occasione al 20′: splendida verticalizzazione di Hummels per Adeyemi, che ruba il tempo a Carvajal, salta anche Courtois ma al momento del tiro è murato dal prodigioso recupero del terzino destro del Real Madrid. Dopo 3′ ancora Borussia Dortmund a un passo dal vantaggio: gli spagnoli soffrono per vie centrali, Füllkrug ne approfitta e centra il palo. Quando i tedeschi accellerano sono dolori per la corazzata di Ancelotti: Brandt premia lo scatto del velocista Adeyemi, bravo Courtois a opporsi. Quindi ci prova Sabitzer da fuori, Courtois devia in calcio d’angolo.

Nella ripresa il Real entra in partita: punizione di Kroos respinta da Kobel, sul corner conseguente colpo di testa di Carvajal di poco alto. Poi tocca ancora a Courtois salire in cattedra respingendo il colpo di testa di Fullkrug. Al 73′ Real Madrid avanti: corner di Kroos e colpo di testa vincente di Carvajal. Inizia una nuova partita: ci sono solo gli spagnoli in campo e Vinicius fa 2-0. La Champions è delle merengues, è di Ancelotti.

Real Madrid, che cosa ha funzionato

Il Real ha sofferto salvo poi affondare il colpo al momento giusto, in pieno stile Ancelotti. L’allenatore italiano si conferma specialista della competizione più prestigiosa del Vecchio Continente, facendo valere tutta la sua esperienza contro il vivace Borussia Dortmund di Terzic. Semplicemente fenomenale Vinicius, che si candida al Pallone d’Oro.

Borussia Dortmund, che cosa non ha funzionato

I tedeschi hanno sprecato tante, troppe occasioni, specialmente nel primo tempo. E alla fine hanno pagato dazio. Incomprensibile la sostituzione dello scatenato Adeyemi.

Le pagelle del Borussia Dortmund

Kobel 6,5: Corre troppi rischi col pallone tra i piedi. Reattivo sulla splendida punizione di Kroos. Dopo lo svantaggio, tiene in vita la sua squadra con una serie di parate impressionanti. Ryerson 5,5: Brutto cliente, Vinicius. Il norvegese soffre tremendamente la qualità del brasiliano. Hummels 6,5: Raddoppi costanti per arginare il fenomeno Vinicius e una verticalizzazione da fantasista vero per Adeyemi: chiude la sua avventura in giallonero con una prestazione positiva. Schlotterbeck 6: Qualche ingenuità come il giallo per protesta al 40′, ma anche una chiusura provvidenziale nel primo tempo su cross rasoterra di Vinicius. Maatsen 4,5: Il giovane terzino olandese rovina la sua buonissima partita con lo sciagurato passaggio che consente al Real di raddoppiare. Emre Can 6: L’ex Juve è l’elemento chiamato a garantire equilibrio tra i reparti. Malen (sv dall’80’). Sabitzer 6: All’austriaco tocca il lavoro sporco in mezzo al campo con licenza di colpire da fuori. Ci prova, ma Courtois si oppone. Sancho 5: Il primo tempo è di alto livello, ma nella ripresa sparisce. Brandt 6,5: La prima occasione della finale di Champions è sua, ma non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Il 28enne dalla folta chioma bionda ha qualità e visione e i madrileni soffrono la sua posizione in campo. Haller (sv dall’80’). Adeyemi 6,5: Inizia col freno a mano tirato, poi entra in partita e manda in tilt la retroguardia spagnola con le sue devastanti accelerazioni. Reus (sv dal 72′). Fullkrug 6: Arrivato al grande calcio nella parte finale della carriera, il ‘Vardy’ di Germania dimostra di avere le carte in regola per giocare questo tipo di partite. Non sarà un fenomeno, ma ha creato non pochi problemi a Rudiger e Nacho scattando con destrezza sulla linea del fuorigioco.

Le pagelle del Real Madrid

Courtois 7: Chi ha riferito a Tedesco che Courtois non era pronto per gli Europei? Ancelotti gli concede il palcoscenico più prestigioso e il buon Thibaut dimostra di essere in grande, grandissimo spolvero. Carvajal 7,5: Quando dalle tue parti staziona uno dei calciatori più veloci del pianeta, sai già di andare incontro a 90 minuti complicati. Dani disfa e fa: prima consente all’avversario di involarsi verso la porta difesa da Courtois, poi salva con un recupero prodigioso. Ma soprattutto segna il gol che vale la Champions, la quindicesima della storia del club. Nacho 5,5: Ha esperienza ma non il passo per tenere la velocità degli sprinter gialloneri. Rudiger 5,5: A inizio partita si perde Fullkrug: l’attaccante giallonero scatta sulla linea del fuorigioco e serve Brandt che spreca. Soffre ogni volta che il Borussia verticalizza. Mendy 5,5: In più d’una circostanza si lascia sorprendere alle spalle. Valverde 6: Poco partecipe nella fase offensiva, ma importante nel dare una mano per fermare i ragazzi terribili di Terzic. Camavinga 6: Molto falloso e nel primo tempo rischia tantissimo quando perde ingenuamente un pallone sanguinoso nella sua metà campo. Cresce nella ripresa. Kroos 7,5: Sfiora il gol con una punizione destinata all’incrocio: sarebbe stato il modo perfetto per salutare il popolo blancos dopo dieci anni di trionfi e giocate pazzesche. Ma trova ugualmente la maniera di impreziosire la sua serata disegnando l’assist per Carvajal su calcio d’angolo. Modric (sv dall’85’). Bellingham 6,5: In riserva, Jude. Dal grande ex di turno era lecito aspettarsi molto più, invece la sua è una finale a lunghi tratti anonima. Si divora in maniera piuttosto clamorosa il gol del 2-0, però si riscatta con l’assist per Vinicius. Joselu (sv dall’85’). Rodrygo 5,5: Il brasiliano non riesce mai a incidere. Eder Militao (sv dal 90′). Vinicius 8: Per più di 70′ predica nel deserto: lì davanti è l’unico che prova a impensierire gli avversari col suo smisurato talento. Il gol è meritatissimo e può valere il Pallone d’Oro. Lucas Vazquez (sv dal 94′).

Il tabellino di Borussia Dortmund-Real Madrid

Borussia Dortmund (4-2-3-1): Kobel; Ryerson, Hummels, Schlotterbeck, Maatsen; Emre Can (80′ Malen), Sabitzer; Sancho, Brandt (80′ Haller), Adeyemi (72’Reus); Fullkrug. A disposizione: Meyer, Lotka, Salih Ozacan, Nmech, Haller, Wolf, Moukoko, Sule, Watjen, Bynoe-Gtitens. Allenatore: Terzic

Real Madrid (4-3-1-2): Courtois; Carvajal, Nacho, Rudiger, Mendy; Valverde, Camavinga, Kroos (85′ Modric); Bellingham (85′ Joselu); Rodrygo (90′ Eder Militao), Vinicius (94′ Lucas Vazquez). A disposizione: Lunin, Kepa, Alaba, Tchouameni, Ceballos, Fran Garcia, Brahim Diaz, Arda Guler. Allenatore: Ancelotti

Arbitro: Slavko Vincic

Ammoniti: Vinicius, Schlotterbeck, Sabitzer, Hummels

Marcatori: 73′ Carvajal, 82′ Vinicius