Dovevano essere due squadre in crisi, così indicavano gli ultimi risultati. Ed invece Juventus e Atalanta danno vita ad un gara spettacolare conclusasi col punteggio di 2-2. I nerazzurri passano in vantaggio nel primo tempo con Koopmeiners. Nella ripresa i bianconeri ribaltano completamente il risultato con le giocate di Chiesa e con i gol di Cambiaso e Milik. Ancora una volta l’olandese, però, riesce a bucare Szczesny riportando la gara in parità. Tutti contenti? Non proprio ma il risultato è giusto.

Juventus-Atalanta, la chiave della partita Juventus, cosa ha funzionato Juventus, cosa non ha funzionato Le pagelle della Juventus Top e flop dell’Atalanta Juventus-Atalanta: il tabellino del match

Juventus-Atalanta, la chiave della partita

La Juve si presenta senza Vlahovic e con 5 punti nelle ultime 6 partite, l’Atalanta reduce da due ko consecutivi. La pressione e la posta in palio tramutano questo scontro diretto per la zona Champions in una partita estremamente delicata. Poche le novità dal primo minuto per i due allenatori: Allegri ha non ha molte possibilità di scelta a centrocampo, recupera McKennie e sceglie Iling Jr a sinistra. Gasperini si affida a Scamacca centravanti. L’equilibrio del primo tempo viene rotto da uno schema su calcio di punizione che permette a Koopmeiners di sbloccare il match.

Nella ripresa c’è la reazione dei bianconeri, non ordinata ma affidata alla rabbia dettata dal momento evidentemente sfavorevole. Anche la Dea ha le sue opportunità per chiuderla, con Scamacca prima e con il subentrato Lookman poi. Dall’ennesima azione individuale di Chiesa nasce il gol del pari: lo segna Cambiaso. Pochi minuti dopo è Milik a ribaltare completamente la partita. Finita così? Neanche per sogno. Ancora Koopmeiners riacciuffa il risultato. Finisce 2-2.

Clicca qui per rivivere le emozioni del match

Juventus, cosa ha funzionato

Da oltre un mese, ormai, la Vecchia Signora si era inceppata. Ma dentro ha ancora qualcosa da dare. Lo si è visto nella reazione e nelle tante palle gol che sta comunque riuscendo a creare.

Juventus, cosa non ha funzionato

Poche idee e neppure vincenti. La Juve gioca sempre sotto ritmo, vive degli sprazzi di qualche singolo (Chiesa su tutti) ma non ha un centrocampo pensante.

Le pagelle della Juventus

Szczesny 6,5 Nulla può sui tiri di Koop, respinge bene su Scamacca. Gatti 6,5 Qualche chiusura tempestiva in difesa e la consueta foga agonistica che lo porta ad attaccare per dare una mano. Bremer 6 Confronto rude con Scamacca ma il brasiliano ne esce bene. Danilo 6 Non perfetto, a volte posizionato male ma dà l’anima. Cambiaso 7 Scambia spesso posizione con McKennie, accende lo Stadium con un paio di giocate. Poi segna la rete del pari. (Dall’83’ Weah ng) McKennie 6,5 Non è al meglio ma è generoso e così riesce addirittura a confezionare due assist. (Dall’88’ Yildiz ng) Locatelli 5 Dovrebbe prendere in mano il reparto ma non si assume responsabilità. Svolge il compitino e chiaramente non basta alla causa. Miretti 5 Comincia discretamente ma col passare dei minuti si perde. Consegna agli avversari banalmente palloni e si addormenta in area di rigore avversaria in una potenziale occasione da gol. (Dal 76′ Nicolussi Caviglia ng) Iling-Junior 6 Non sempre preciso ma comunque utile con qualche spunto dei suoi. (Dall’82’ Alex Sandro ng) Milik 6,5 Partita complicata ma riesce ad entrare nel tabellino con un gol fondamentale. (Dal 76′ Kean ng) Chiesa 7,5 Soliti sprazzi, quelli che servono ai bianconeri per accendersi.

Top e flop dell’Atalanta

Koopmeiners 8 Il suo futuro non lo si conosce, il presente è però entusiasmante. Scamacca 6,5 Parte male, con Bremer che se lo mangia. Poi sale in cattedra: calcia in porta, si procura la punizione del gol e salva su Miretti. Pasalic 6,5 Al di là dell’assist è un giocatore parecchio in forma che si fa sentire in tutte e due le fasi di gioco. Scalvini 5,5 Il centrale più in difficoltà del trio bergamasco. Zappacosta 5,5 Nella ripresa Chiesa lo punta con continuità e va in difficoltà. Ruggeri 5,5 Anche l’altro esterno della Dea non brilla.

Juventus-Atalanta: il tabellino del match

Reti: 34′ Koopmeiners, 66′ Cambiaso, 70′ Milik, 75′ Koopmeiners

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Gatti, Bremer, Danilo; Cambiaso (dall’83’ Weah), McKennie, Locatelli, Miretti (dal 76′ Nicolussi Caviglia), Iling-Junior (dall’82’ Alex Sandro); Milik (dal76′ Kean), Chiesa. All. Allegri. A disp. Pinsoglio, Scaglia, Rugani, Kostić, Yildiz, Djalo, Nonge. Allenatore: Massimiliano Allegri

Atalanta (3-4-2-1): Carnesecchi; Scalvini (dal 67′ Toloi), Hien, Djimsiti; Zappacosta (dal 67′ Hateboer), Ederson, Pasalic, Ruggeri (dall’89’ Bakker); Koopmeiners, De Ketelaere (dall’88’ Miranchuk); Scamacca (dal 57′ Lookman). All. Gasperini. A disp. Musso, Vismara, Palomino, Toure, De Roon, Kolasinac, Adopo. Allenatore: Gian Piero Gasperini

Arbitro: Marco Guida

Ammoniti: Hateboer (A)

Recupero: 0′ pt; 4′ st