Il posticipo tra Ascoli e Venezia ha concluso la 32esima giornata di serie B. Un punto che non soddisfa nessuna delle due squadre. I lagunari, infatti, perdono un’occasione per accorciare sulla capolista Parma, fermato sabato dal Sudtirol, e salgono a 58 punti in classifica. Mezzo sorriso anche per l’Ascoli che con questo punto sale a 32 punti, ma resta in piena zona retrocessione.

Il Venezia attacca, l’Ascoli resiste: è pari Brescia-Pisa 3-1: la squadra di Maran vince lo scontro diretto con vista sui play-off FeralpiSalò-Cosenza 2-2: brilla Tutino Spezia-Lecco 1-1 ospiti a testa alta Sudtirol-Parma 0-0: i ducali non vanno ancora in fuga Ternana-Modena 0-0: Iannarilli protagonista Reggiana-Cittadella 0-2: i veneti tornano a vincere Catanzaro-Como 1-2: la spuntano i lariani Palermo-Sampdoria 2-2, luci al Barbera Serie B 32esima giornata: risultati e marcatori La classifica di Serie B alla 32esima giornata

Il Venezia attacca, l’Ascoli resiste: è pari

Di certo nel Venezia ha pesato l’assenza del bomber Pohjanpalo diventato papà, mentre i marchigiani erano privi di Mendes e Nestorovski. Primo tempo equilibrato con l’Ascoli che parte subito in pressing, ma il Venezia chiude subito tutti gli spazi. La prima vera occasione arriva solo al 30′ sui piedi di Gytkjaer che conclude a porta vuota ma si fa deviare il tiro in angolo da Bellusci dopo un’uscita non proprio felice di Vasquez. L’Ascoli si fa vedere al 41′ con Zedadka che di testa non centra la porta dopo un assist di Falzerano dalla destra. In pieno recupero (48′) Rodriguez semina il panico in area veneta, ma poi non trova la conclusione vincente.

Nel secondo tempo l’Ascoli si rende pericoloso all’11’ con un tiro dalla distanza di Duris che finisce di poco fuori. Il Venezia replica con un colpo di testa insidioso di Gytkjaer al 34′ di poco alto sopra la traversa. Nel finale si alza la pressione degli ospiti con l’Ascoli che si affida alle ripartenze di D’Uffizi. I bianconeri resistono all’assedio finale del Venezia anche in dieci dopo l’espulsione di Bellusci.

Rivivi qui le emozioni di Ascoli-Venezia

Brescia-Pisa 3-1: la squadra di Maran vince lo scontro diretto con vista sui play-off

Al Rigamonti il Brescia supera il Pisa di 3 gol a 1, con le Rondinelle più vicine ai play-off (complice anche lo stop della Sampdoria). Un primo tempo abbastanza equilibrato tra le due formazioni, all’insegna del possesso palla. Ma è al 26′ che il match si sblocca grazie alla rete di Moncini. Nella ripresa gli ospiti mostrano un atteggiamento diverso, come dimostra l’occasione di Beruatto sul primo palo. Gol non fatto, gol subito: il Brescia risponde al 55′ con Bianchi, servito da Bisoli, che firma il raddoppio con una gran giocata. Moncini si ripeterà poi quando siamo nei cinque minuti finali della partita, con la squadra di casa che si porta sul 3-0 nonostante i tentativi pisani (come quello di D’Alessandro al 68′, il quale entrato in area prova a cannoneggiare la porta, ben difesa da Lezzerini). Siamo ai titoli di coda del match, e il Pisa si guadagna la rete della bandiera con il rigore che viene trasformato da Torregrossa.

FeralpiSalò-Cosenza 2-2: brilla Tutino

Un duello nelle zone basse della classifica quello tra FeralpiSalò e Cosenza, che si conclude con un punto abbastanza prezioso per entrambe, ma soprattutto per i Lupi. Al 19′ la squadra di casa passa in vantaggio con un gol di testa firmato da La Mantia, servito da Felici. Ma èil bomber del Cosenza Tutino, tornato titolare, a dare fiato agli ospiti con una rete spettacolare realizzata di sforbiciata, su imbeccata di Marras. Nel secondo tempo ribatte La Mantia, che trasforma il rigore che porta i Leoni del Garda in vantaggio (il secondo per il FeralpiSalò, dopo quello fallito dallo stesso giocatore e poi realizzato da Letizia, ma invalidato dall’arbitro per via dell’affollamento in area: cosa che ha fatto incaponire la squadra di casa). Ma quando manca un quarto d’ora alla conclusione dei tempi regolamentari Antonucci raggiunge gli avversari certificando il 2-2.

Spezia-Lecco 1-1 ospiti a testa alta

Altro pareggio in un’altra sfida salvezza, quella tra Spezia e Lecco. I liguri colgono l’opportunità data dalla sconfitta di ieri del Bariper uscire dalla zona play-out (pur non distanziando i pugliesi e il Cosenza), mentre gli ospiti hanno ormai un piede in Serie C. Questi ultimi si sono presentati con il debutto in panchina di Andrea Malgrati. Lo Spezia va in vantaggio al 12′: Esposito crossa a giro intercettando Hristov, andando in rete. Il pari arriva al 41′,innescato dal tiro a giro di Buso deviato da Mateju, che sorprende Zoet. Pochi minuti dopo Degli Innocenti si avvicina persino al raddoppio. Il Lecco prende ulteriormente vigore nella ripresa ai danni di uno Spezia più ingessato, ma il match si concluderà con un 1-1.

Sudtirol-Parma 0-0: i ducali non vanno ancora in fuga

Reti bianche al Druso di Bolzano: nel primo tempo Hainaut riceve da Man ma non riesce a forzare le difese di Poluzzi (siamo al 16′), e successivamente al 20′ Casiraghi ci prova per il Sudtirol con un tiro dalla distanza, che però non sorprende Chichizola. Altra occasione per il Parma al 24′, con un’azione in velocità innescata da Cyprien per Man, il quale poi consegna la palla a Mihaila nel frattempo piombato in area, ma senza però trovare la conclusione in rete. Estevez al 39′ si avvicina al vantaggio altoatesino. Pochi gli spunti dal secondo tempo, a parte Arrigoni che ci prova da lontano al 77′ e Man che all’86’ prova col suo potente mancino a eludere Poluzzi, senza successo.

Ternana-Modena 0-0: Iannarilli protagonista

Altro match finito a reti bianche, ma che ha visto comunquecome assoluto mattatore Iannarilli, che già al 23′ salva la porta della Ternana sul tiro di Magnino prima e una decina di minuti dopo anche su Santoro. L’estremo difensore si ripete anche nel secondo tempo, dimostrandosi un impeccabile uomo partita, ma paga però uno scontro severo con Lucchesi sul finale della partita. Dopo essere finito a terra Iannarilli ha poi ripreso il match: tuttavia al triplice fischio si è di nuovo accasciato, soffrendo a quanto pare di difficoltà respiratori. Il portiere è stato quindi condotto all’ospedale Santa Maria a Terni in via precauzionale, per capire se ci siano stati danni toracici.

Reggiana-Cittadella 0-2: i veneti tornano a vincere

Risultato netto da parte di un ritrovato Cittadella, a secco di punti vittoria da dodici partite, al Mapei Stadium, vincendo in casa contro la Reggiana. Eppure i padroni di casa, reduci da sei risultati utili di fila, erano partiti bene, dimostrandosi padroni de facto del campo nel primo tempo: spicca l’azione al 41′ che vede Bianco galoppare più di 40 metri palla al piede per poi fare la barba al palo col suo destro. Ma nel secondo tempo i rapporti di forza si rovesciano, complice anche un calo qualitativo degli emiliani: il Cittadella va in vantaggio al 65′ con la rete di Pandolfi, entrato da pochissimo in campo. Il raddoppio viene poi firmato da Branca. All’87’ Blanco ci prova col mancino, ma nulla da fare.

Catanzaro-Como 1-2: la spuntano i lariani

I lariani vanno subito all’assalto nel match del Ceravolo contro dei rivali che puntavano a fortificare la propria corsa play-off. Ma la posta in palio del Como era finanche più ghiotta, ovvero la piazza d’onore in classifica alle spalle del Parma, e la missione è riuscita nonostante dei rivali all’arma bianca, che firmano il momentaneo vantaggio virtuale dopo appena dieci minuti dal fischio d’inizio: azione partita da una serie di rimpalli in area successivi alla respinta di Goldaniga, ma ne approfitta Iemmello che firma così l’1-0. Abbiamo detto però virtuale, e infatti l’arbitro Di Bello segnala il fuorigioco. Punto e a capo, ma al 20′ il Catanzaro va in vero e proprio vantaggio grazie a Vandeputte, autore anche di un bel tunnel su Iovine. Il Como prova ad avvicinarsi al pari, con Cutrone che tuffandosi spinge di testa la palla sull’esterno del palo, per poi dopo circa 40 minuti dall’inizio del match violare la porta su cross di Gabrielloni. Ma anche in questo caso si tratta di fuorigioco.

Nella ripresa i lariani mettono a segno il pareggio effettivo con il gol di testa di Gabrielloni, su traversone deviato da Sounas. Il raddoppio al 68′, conCutrone che mette in mezzo per Gabrielloni, e palla poi intercettata da Da Cunha che porta il Como in vantaggio. Il Catanzaro si illude del pari verso il finale del match: Antonini va in rete di testa su assist di Fulignati, ma ancora una volta l’arbitro fischia il fuorigioco.

Palermo-Sampdoria 2-2, luci al Barbera

Il debutto di Mignani dopo l’esonero di Corini conferisce un po’ di respiro alla classifica del Palermo in ottica play-off, ma senza una svolta vera e propria. Un match equilibrato e spettacolare, con il vantaggio dei doriani che arriva al 19′ grazie a Leoni, che approfitta del tentennamento di Pigliacelli per sorprendere l’estremo difensore e imbucare agevolmente in rete (nonostante Lucioni provi ad impedire lo smacco). Passa un minuto e i padroni di casa conquistano un rigore dopo il fallo di Brunori su Ghilardi: batte il capitano rosanero e trasforma il penalty in un pareggio per i siculi. La Samp però torna in vantaggio quando il match si avvicina alla prima mezz’ora di gioco, grazie ad un assist di Segre per Mancuso.

Nel secondo tempo i ritmi diventano più indiavolati, e al 60′ gli uomini di Pirlo trovano il pareggio con il tiro dalla distanza di Darboe. Il Palermo nell’ultima mezz’ora di gara mette pressione agli ospiti, sfiorando il terzo gol all’80’ con un tiro al limite realizzato da Di Mariano.

Serie B 32esima giornata: risultati e marcatori

Bari-Cremonese 1-2

Marcatori: 1’ pt aut. Maiello (B), 21 st Collocolo (C), 45′ + 2′ st Edjouma (B)

Brescia-Pisa 3-1

Marcatori: pt 36’ e 40’ st Moncini; 10’ st Bianchi, 49’ Torregrossa (rigore)

FeralpiSalò-Cosenza 2-2

Marcatori: 19′ pt La Mantia (F), 28′ pt Tutino (C), 9′ st La Mantia (F), 29′ st Antonucci (C)

Spezia-Lecco 1-1

Marcatori: 12′ pt Hristov (S); 42′ pt Buso (L)

SudTirol-Parma 0-0

Ternana-Modena 0-0

Catanzaro-Como 1-2

Marcatori: 19′ Vandeputte (Ca), 62′ Gabrielloni (Co), 68′ Da Cunha (Co)

Palermo-Sampdoria 2-2

Marcatori: 19′ Leoni (S), 21′ rig. Brunori (P), 27′ Mancuso (P), 60′ Darboe (S).

Reggiana-Cittadella 0-2

Marcatori: 20′ st Pandolfi (L), 33′ st Branca (S)

Ascoli-Venezia 0-0

La classifica di Serie B alla 32esima giornata

Parma 66, Como 61, Cremonese 59, Venezia 58, Catanzaro 52, Palermo 50, Brescia 45, Sampdoria 44*, Cittadella 42, Pisa e Reggiana 40, Sudtirol e Modena 39, Cosenza, Bari e Spezia 35, Ternana 33, Ascoli 32, Feralpisalò 31, Lecco 23.

* 2 punti di penalizzazione

La classifica marcatori della Serie B