Una nuova spy story rischia di segnare la Formula 1. Al centro della bufera stavolta ci finisce Toto Wolff. Il team principal della Mercedes sarebbe sotto accusa da parte delle altre scuderie per un possibile conflitto d’interessi tutto in famiglia. Secondo alcune indiscrezioni, voci di paddock, la moglie di Toto, Susie Wolff, ex pilota anche in Williams, potrebbe aver fatto da talpa in FIA visto il suo ruolo di responsabile del progetto F1 Academy dedicato alle donne nel circus.

Wolff accusato di conflitti di interesse in F1: la moglie Susie talpa in FIA Toto Wolff e la fuga di notizie, il precedente del salary cap Red Bull Cartello dei Wolff: Ferrari, Red Bull e gli altri team sul piede di guerra

Wolff accusato di conflitti di interesse in F1: la moglie Susie talpa in FIA

Al centro dello scandalo, di quella che rischia di essere a tutti gli effetti la nuova Spy Story in F1 c’è la coppia formata da Toto e Susie Wolff, Stoddart da nubile. Lui è il team principal della Mercedes, uomo d’affari tra i più influenti e ricchi anche secondo Forbes; lei è la moglie, ex pilota che ha sfiorato la F1 partecipando a una sessione di prove libere con la Williams.

Al centro delle polemiche e delle accuse proprio il ruolo della donna che è diventata nell’ultimo anno direttrice generale della F1 Academy, la serie dedicata alle donne propedeutica un domani al salto nel grande circus. L’evidente conflitto di interessi mette la famiglia Wolff in una posizione di vantaggio potendo Susie venire a conoscenza con la sua carica in seno alla FIA di alcune informazioni di grande rilievo sul mondo della F1 magari a favore del marito team principal in Mercedes.

A riportare l’indiscrezione è Business F1, fonte da sempre molto vicina alle dinamiche del paddock, secondo la quale i team principal sarebbero preoccupati da questa situazione che secondo qualche malelingua avrebbe già prodotto alcune fughe di notizie:

“Le informazioni fluiscono in entrambi i sensi, da noi e da Toto, ma ovviamente noi non ne traiamo beneficio, lui sì e loro no”, avrebbe affermato uno dei team principal in questione, il cui nome, però, resta ancora ignoto.

Toto Wolff e la fuga di notizie, il precedente del salary cap Red Bull

Le accuse di conflitto di interessi di Toto Wolff non sono nuove nella recente F1. Già lo scorso anno si era vociferato di una fuga di notizie che aveva portato il team principal Mercedes a sapere prima di tutti del salary cap sforato dalla Red Bull nel 2021 e a darne anche notizia al Gran Premio di Singapore dello scorso anno quando nemmeno al numero uno della Red Bull, Christian Horner era stata notificata la violazione.

All’epoca si disse che le informazioni si erano state carpite da Toto Wolff in un colloquio con Shaila-Ann Rao, ai tempi segretaria generale ad interim del motorsport FIA, ma prima ex special advisor Mercedes. La Rao aveva rispedito al mittente le accuse ma Horner quasta cosa non l’aveva mai digerita.

Cartello dei Wolff: Ferrari, Red Bull e gli altri team sul piede di guerra

“Immaginate Geri Horner (la Halliwell moglie del team principal Red Bull. ndr) o Raquel Stroll (moglie di Lawrence Stroll capo di Aston Martin, ndr) a capo della Formula 2 o ottenere un lavoro all’interno della Formula 1 o di Liberty Media. Sarebbe un conflitto di interessi ridicolo e non tollerabile”.

Questa dichiarazione riportata da Business F1 apparterebbe a un team principal della Formula 1 che ironizza e provoca proprio sul caso del conflitto di interessi in seno al circus della famiglia Wolff.

”Credo che sia illegale sinceramente. C’èì un enorme conflitto di interessi a livello di società pubblica. E a parte questo, credo che sia altamente immorale”.

Tutte le novità del Mondiale 2024 di F1