Melbourne si tinge di rosso. Le Ferrari sfruttano il ko di Verstappen per piazzare una fantastica doppietta nel GP d’Australia, terza prova del Mondiale di F1. Primo Sainz, secondo Leclerc. E il monegasco incassa con sportività il successo del compagno, a testimonianza di un ambiente che sembra aver ritrovato serenità e fiducia. Del resto, quando si vince è tutto più semplice.

GP d’Australia, gioia Ferrari: Leclerc esulta per la doppietta Apoteosi Ferrari, Leclerc non rosica per il secondo posto Leclerc tra il ricordo del trionfo in Bahrain e la rivalità con la RedBull

GP d’Australia, gioia Ferrari: Leclerc esulta per la doppietta

La Rossa non centrava una doppietta addirittura dall’esordio in Bahrain della stagione 2022. Ecco, dunque, che il risultato ottenuto a sul tracciato di Melbourne è accolto con entusiasmo da tutti. Anche da Leclerc, che non recrimina per essere finito alle spalle del compagno di scuderia. Tutt’altro. Charles elogia Sainz, salito sul gradino più alto del podio a distanza di due settimane dall’operazione per appendicite che gli aveva fatto saltare il GP in Arabia Saudita. “Sainz si è reso protagonista di un weekend eccezionale dopo l’operazione – ha commentato il pilota monegasco della Ferrari -. Ha fatto un lavoro migliore ed è giusto che abbia vinto lui”.

Apoteosi Ferrari, Leclerc non rosica per il secondo posto

La parola d’ordine è sportività. Perché è il momento di festeggiare, dopo aver sfruttato nel migliore dei modi l’assist involontario del campione del mondo Verstappen, che, col suo ritiro causato da un problema ai freni, ha reso magico il weekend australiano della scuderia di Maranello. “Sono felicissimo per Sainz e per la squadra, sono punti davvero molto importanti – continua Leclerc -. Che vinca lui oppure io per il team è la stessa cosa e per questo motivo è una grande giornata”. Insomma, la doppietta piazzata dalla Ferrari nel GP d’Australia mette tutti d’accordo.

Leclerc tra il ricordo del trionfo in Bahrain e la rivalità con la RedBull

La mente viaggia subito al 2022, alla doppietta in Bahrain. “Che bello ripetersi, una straordinaria sensazione” sottolinea Leclerc. Quando gli viene chiesto se è il Mondiale è riaperto e se la Red Bull è alla portata della Ferrari, il monegasco frena. “Siamo tutti molto contenti, ma bisogna restare con i piedi per terra e non dimenticare che è Verstappen è uscito. Siamo consapevoli di non essere ancora al livello del Red Bull, ma sappiamo di essere il team che più è migliorato negli ultimi sei mesi”.