Presto tornerà a cantarle a tutti anche in streaming, visto che è imminente il ritorno della fu Bobo tv assieme a Ventola ed Adani ( “Ci siamo sempre confrontati su tutto, mettendo davanti il sentimento. Da sei mesi questa cosa l’abbiamo difesa anche nel silenzio, che è molto più difficile… abbiamo aspettato il momento giusto per rimetterci insieme”) ma non per questo Antonio Cassano è rimasto zitto in questi mesi. Dopo le sparate alla Domenica Sportiva di qualche settimana fa l’ex talento barese ha approfittato di un evento a Catania in compagnia dei compagni d’avventura Nicola Ventola e Daniele Adani per tornare alla carica contro Massimiliano Allegri, allenatore che ha sempre criticato aspramente, ma stavolta ha messo nel mirino anche Inzaghi.

Inzaghi osannato da tutti tranne che da Cassano Cassano massacra anche Allegri Sul web solo critiche per Cassano

Inzaghi osannato da tutti tranne che da Cassano

Mentre il resto del mondo in queste settimane ha issato il tecnico dell’Inter nel pantheon dei migliori d’Europa ecco che FantAntonio va – come di consueto – controcorrente e dice: “Per me non vanno dati i meriti a Inzaghi ma vanno dati i demeriti. Inzaghi non ha vinto uno Scudetto ma ne ha persi altri due contro due squadre di gran lunga inferiori. Stranamente viene fatto passare come un allenatore stratosferico”.

Cassano massacra anche Allegri

Cassano però va ancora più duro, rispetto a quanto disse alla DS, nei confronti di Massimiliano Allegri: “Ci sono allenatori che hanno una grande stampa e lui ha quei 4-5 scappati di casa che gli vanno dietro, a cui dice cosa devono scrivere. Questo signore ha fatto passare l’anno scorso Paredes come un cameriere, facendo giocare Barrenechea. Ha fatto scrivere a qualche suo amico che Di Maria era un morto che camminava, quando sei mesi prima aveva vinto un Mondiale, un fenomeno, un giocatore da finali che in questa stagione al Benfica ha già segnato 22 gol. Lui vuole prendersi i meriti e chiede agli amici suoi di aiutarlo a rimanere”.

Sul web solo critiche per Cassano

Fioccano le reazioni sui social: “Non è mio amico? Non ha rilasciato dichiarazioni su come io fossi il più forte ma non ho mai vinto il pallone d’oro perché non scendo a compromessi? Non sono sudamericano? Per Cassano sono uno scarparo”, oppure: “A Cassano dico: valli a vincere 2 scudetti in 4 anni!” e poi: “Si dà troppa attenzione alle cose inutili. Fa semplicemente il bastian contrario dicendo l’opposto rispetto all’oggettiva opinione pubblica”

C’è chi scrive: “Cassano è risultatista o percorsista a seconda di chi deve attaccare o degli amici che vuole elogiare” e anche: “Come se avesse avuto la stessa squadra… Perisic, Skriniar, Lukaku, Dzeko, Brozovic, Onana sono solo alcuni dei giocatori “persi” in questi 3 anni e l’Inter gioca bene lo stesso, ma non lo dice, poveraccio…” e infine un tifoso del Milan: “Ha comunque portato trofei anche nelle annate senza scudetto, e ha fatto una finale di Champions rischiando di portarla pure a casa. Avercelo noi uno con questi demeriti…”.