La Serie A ha messo in mostra un talento che fa gola a Inter e Juventus. In estate si profila un avvincente derby d’Italia in chiave mercato per Albert Gudmundsson, gioiello del Genoa di Gilardino, già autore di dieci gol e tre assist in campionato.

Tutti pazzi di Gudmundsson: la qualità che piace a Inter e Juve Chi è Gudmundsson, l’islandese che ha il calcio nel dna La carriera di Gudmundsson: il basket, l’Europa e il Genoa La stella islandese che non può giocare in nazionale

Tutti pazzi di Gudmundsson: la qualità che piace a Inter e Juve

Oltre ad aver dimostrato di essere letale anche sotto porta, Gudmundsson è uno di quei calciatore in grado di garantire imprevedibilità. Merito del suo pregio più evidente: il dribbling, di cui è assoluto specialista. Lo raccontano i numeri, che non mentono mai. Stando alle statistiche di WhoScored, l’islandese completa 1,4 dribbling a partita in campionato ed è il 12esimo per efficacia. In una squadra come l’Inter, fortissima ma in fondo alla graduatoria per dribbling riusciti a partita, potrebbe rivelarsi un’arma letale a disposizione di Inzaghi. Lo stesso vale per la Juventus, soprattutto se i bianconeri dovessero rinunciare a Chiesa. La sua valutazione? Almeno 30 milioni.

Chi è Gudmundsson, l’islandese che ha il calcio nel dna

Nato a Reykjavík nel 1997, il destino professionale di Gudmundsson era praticamente segnato sin dalla nascita. Pensate: il nonno Albert – omonimo – fu il primo giocatore del Nord Europa a sbarcare in Serie A. Era il 1948 quando il Milan lo ingaggiò dopo le esperienze con Rangers e Arsenal. Non solo: anche i genitori sono ex calciatori. La madre è stata un’attaccante da quattro presenze con la nazionale femminile islandese, mentre il papà ha indossato quella della selezione maschile.

La carriera di Gudmundsson: il basket, l’Europa e il Genoa

Da sempre affascinato dal basket, quand’era adolescente è stato anche nazionale Under 15 dell’Islanda, prima di virare con decisione sul calcio. A 15 anni la prima esperienza europea, in Olanda, nel settore giovanile dell’Heerenveen, quindi il Psv e l’AZ Alkmaar. Il Genoa lo ha acquistato per 1,5 milioni nel gennaio 2022 tra l’indifferenza generale dettata una classifica da incubo e dal cambio di proprietà. La scorsa annata, in Serie B, ha sprigionato tutto il suo talento, confermandosi poi anche tra le big d’Italia grazie a Gilardino, che gli ha concesso massima libertà lì davanti. Fantasista, seconda punta, esterno d’attacco: Gudmundsson può fare tutto, supportato da quella dote che lo rende spesso immarcabile, il dribbling.

La stella islandese che non può giocare in nazionale

L’Islanda, impegnata nello spareggio con Israele per Euro 2024, non potrà contare sulle qualità di Gudmundsson. L’attaccante è stato escluso dal giro della nazionale a causa di una denuncia per molestie sessuali. E fino a quando l’inchiesta non volgerà al termine, il calciatore del Genoa rimarrà fuori dalla lista dei convocati. Sposato e con due figli, ha sempre negato ogni accusa.