Si riparte dalla 17a tappa e dal cinque volte vincitore di tappa (e Maglia Rosa), Tadej Pogacar. Dopo la faticosa frazione di ieri, tormentata dall’incertezza scaturita dalle condizioni meteo avverse e dalle polemiche, oggi i corridori ripartono con la Selva di Val Gardena-Passo Brocon, pari a 159 km. Un percorso impegnativo, senza dubbio, che dona spettacolarità e intensità a una edizione dominata, fino a questo momento, dall’estro del campione sloveno.

Dopo la lezione impartita ieri da Pogacar, difficile ci sia qualche avversario alla portata della Maglia Rosa. La tappa è ricca di salite, con 5 Gran premi della montagna; il Passo Sella, GPM di prima categoria, arriva dopo soli 8,9 km con una partenza caratterizzata da pendenze fino all’11%. Quindi, circa 38 km di discesa fino a Predazzo, da dove si ricomincia a spingere per salire fino al Passo Rolle (km 67), altro GPM di prima categoria da raggiungere dopo 20 km di ascesa graduale, con la pendenza che varia tra il 4,8 e il 10%.

I 100 km di tappa vengono sottolineati con il passaggio sul Passo Gobbera, GPM di terza categoria che precede il finale con i 2 passaggi sul Passo Brocon. La prima ascesa sul lato nord è lunga 13,3% con pendenze tra il 6,5 e il 12% fino al GPM di seconda categoria. Quindi, l’epilogo con attacco finale dal fronte sud del Passo e finire in bellezza.

LEGGI – Giro d’Italia 2024: la Startlist. Squadre, nomi e numeri di gara dei 176 corridori