L’Italia conquista una straordinaria doppietta nella marcia 20 km agli Europei di atletica di Roma che proprio oggi hanno vissuto il loro giorno inaugurale. Antonella Palmisano e Valentina Trapletti conquistano oro e argento nella gara di marcia femminile con una gara che tra i suggestivi viali del Foro Italico.

Palmisano forte sin dall’inizio L’incredibile beffa della spagnola Garcia-Caro Fabbri in finale nel getto del peso

Palmisano forte sin dall’inizio

Antonella Palmisano vuole provare subito a far capire a tutte le sue intenzioni e sin dalla partenza l’azzurra parte subito forte. Non vuole perdere tempo e imposta subito davanti il ritmo andando subito a creare un gruppetto in testa alla gara e insieme a lei c’è anche Valentina Trapletti. Il tentativo di fuga arriva al 10 km quando la progressione di Palmisano sembra riuscire a fiaccare la resistenza delle sue avversarie.

E’ l’attacco decisivo per l’azzurra che sin dai primi metri riesce a mettere distacco tra sé e le sue avversarie che non riescono a seguire il suo ritmo. L’azzurra non si guarda mai alle palle e continua la sua marcia tecnicamente perfetta. Mentre nel gruppetto delle inseguitrici Trapletti continua a fare benissima e si mette in gioco per il podio con attacco ai 2 km dall’arrivo.

[iol_placeholder type=”social_twitter” url=”https://x.com/atleticaitalia/status/1799140524080722171″ profile_id=”atleticaitalia” tweet_id=”1799140524080722171″/]

L’incredibile beffa della spagnola Garcia-Caro

Sul terzo gradino del podio sale l’ucraina Olyanovska che batte nell’ultimo centimetro la spagnola Garcia-Caro. Per la marciatrice iberica arrivata all’Olimpico con tanto di bandiera sulle spalle è una beffa, a 10 metri dal traguardo è infatti sicura del podio e della medaglia di bronzo; comincia a esultare e non si accorge del sorpasso dell’ucraina che la beffa proprio sulla linea del traguardo.

Fabbri in finale nel getto del peso

Doveva essere una formalità e così è stato per Leonardo Fabbri che al suo primo tentativo nel getto del peso mette a segno la misura che vale la qualificazione alla finale con un lancio in totale scioltezza da oltre 21 metri. Per il toscano non c’è stata emozione in una gara che lo vede come uno dei grandi favoriti alla vittoria finale.