Giovedì scorso il Benfica ha perso l’andata delle semifinali di Coppa di Portogallo contro lo Sporting. Chi ha reagito male al ko delle Aquile è stato uno dei calciatori più rappresentativi della squadra guidata da Roger Schmidt, ovvero Angel Di Maria. Il Fideo se l’è infatti presa con la direzione arbitrale che a suo avviso ha condizionato il risultato della gara. Non l’ha presa l’ Associazione degli Arbitri portoghesi (APAF) che ha denunciato il giocatore argentino, aprendo un procedimento disciplinare nei confronti dell’ex juventino.

Il post critico di Di Maria sui social Il rischio squalifica per il Fideo Il riferimento non troppo velato a Verissimo

Il post critico di Di Maria sui social

Ma cosa aveva detto di tanto grave Angel Di Maria per suscitare la veemente reazione della classe arbitrale? Il Fideo aveva commentato così sui social la sconfitta della sua squadra: “Cosa possiamo dire di ieri? Quello che è successo era visibile a tutti. Continueremo a lavorare per raggiungere i nostri obiettivi. Soli contro tutti“. Ma di cosa si lamentava l’ex giocatore della Juventus? Il riferimento era in particolar modo ad una rete che gli è stata annullata al 76′ per fuorigioco di Casper Tengstedt.

Il rischio squalifica per il Fideo

Prese così, da sole, queste affermazioni accusatorie da parte di Di Maria non lascerebbero pensare addirittura ad una possibile squalifica. Il problema, però, è che il fuoriclasse sudamericano è recidivo da questo punto di vista. Non è infatti la prima volta che si lascia andare a considerazioni negative sugli arbitri, con i quali intrattiene un rapporto evidentemente conflittuale. Già in questo mese l’argentino aveva polemizzato per qualche direzione di gara a suo dire parziale. Ecco perché adesso il giocatore rischia una squalifica.

Il riferimento non troppo velato a Verissimo

L’APAF ha preso come spunto proprio il post social di Angel Di Maria. Vero che non compare alcun nome all’interno del messaggio scritto dall’ex calciatore di Real Madrid, Manchester United e Psg, però non è che ci voglia molto per capire che fosse riferito all’arbitro Fabio Verissimo. Si attende ora di conoscere il destino del Fideo. Che da quando è tornato in Portogallo ha ripreso eccome a fare il suo dovere: già 14 gol e 9 assist per l’argentino. Numeri parecchio distanti da quelli della sua unica stagione italiana.