Si chiude con un risarcimento importante per la famiglia Schumacher, la vicenda della falsa intervista a Michael pubblicata da Die Aktuelle nell’aprile del 2023. Confezionata con l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, l’articolo “bufala” sull’ex campione di Formula 1 e della Ferrari ha portato in tribunale la casa editrice del magazine, Funke Mediengruppe, ed è costata il posto all’allora caporedattrice Anne Hoffmann. Nelle ultime ore, è arrivata la decisione del giudice, ma il colosso dell’editoria tedesca sarà chiamato a rispondere anche del licenziamento della Hoffmann.

Colosso dell’editoria costretto a risarcire la famiglia Schumacher La falsa intervista a Michael Schumacher Anche la caporedattrice licenziata pronta a far valere le proprie ragioni

Colosso dell’editoria costretto a risarcire la famiglia Schumacher

Duecentomila euro. È questa la somma che la giustizia ha deciso di far pagare al colosso dell’editoria tedesca, Funke Mediengruppe, come risarcimento per la falsa intervista a Michael Schumacher redatta con l’ausilio dell’Intelligenza Artificiale dal magazine Die Aktuelle nell’aprile del 2023 e “sparata” in prima pagina reale ed esclusiva, con tanto di titolo ingannevole “Michael Schumacher, la prima intervista”.

La falsa intervista a Michael Schumacher

Inevitabile il clamore scatenato dall’articolo che simulava la chiacchierata con Schumi sul come fosse cambiata la sua vita dopo il tragico incidente del dicembre 2013 a Meribel. Una scelta editoriale oggettivamente di cattivo gusto e indelicata nei confronti dell’ex campione della Ferrari, che portò al licenziamento della caporedattrice del magazine, Anne Hoffmann, e che spinse i familiari di Schumacher ad andare fino in fondo e non soprassedere.

Anche la caporedattrice licenziata pronta a far valere le proprie ragioni

Si è arrivati, così alle vie legali e alla decisione del tribunale del lavoro di Monaco di Baviera di condannare Funke Mediengruppe a un risarcimento da 200mila euro per la famiglia Schumacher. Per l’editore tedesco i guai potrebbero, però, non essere finiti qui, visto che anche la Hoffmann ha fatto ricorso contro il licenziamento, considerato “non legalmente valido” della autorità competenti.

Restate aggiornati con tutte le novità dal mondo della Formula 1