Scatta il secondo turno degli Internazionali d’Italia. Entrano in gioco le teste di serie dal numero 1 al 32, quelle che erano state esentate dal disputare il turno inaugurale. È il caso di Novak Djokovic, il re della classifica ATP, un leader che comincia ad avvertire il fiato sul collo dei giovani inseguitori, in particolare di Jannik Sinner. Almeno per tutta la durata del torneo romano, Nole può stare tranquillo: rimarrà lui in vetta, non solo perché Jannik ha dato forfait, ma anche perché ha ancora un vantaggio rassicurante.

Atp Roma: alle 19 il debutto di Novak Djokovic Il programma sul Centrale: apre Musetti, chiude Paolini Tre azzurri alla Grand Stand: Darderi, Cobolli e Fognini Gli altri italiani in gara: Errani, Gigante e Passaro

Atp Roma: alle 19 il debutto di Novak Djokovic

Proprio il debutto di Novak è il tema dominante del giorno. Match in programma non prima delle 19 sul Centrale, naturalmente. Avversario del serbo un giocatore scorbutico, Corentin Moutet, entrato in tabellone come lucky loser. Un tipo particolare, il francese, che ha fama di “cattivo” del circuito: qualche settimana fa ha litigato col pubblico durante il Challenger di Napoli. Nel primo turno ha invece piegato, grazie anche a una provvidenziale pausa pioggia, il russo Safiullin, ribaltando una situazione che sembrava compromessa. Un solo precedente: l’ha vinto Djokovic nel 2019 a Parigi-Bercy.

Il programma sul Centrale: apre Musetti, chiude Paolini

Non solo Djokovic, comunque, sul Centrale. Ad aprire le danze, alle 11 del mattino, il match di Lorenzo Musetti contro Terence Atmane, francese proveniente dalle qualificazioni che nel primo turno ha avuto ragione di Chris Eubanks in due set. In teoria non dovrebbe esserci partita, ma il carrarino ultimamente purtroppo è capace di grandi imprese come di incredibili rovesci. Terzo incontro di giornata, quello del torneo Wta tra Elena Cocciaretto e Caroline Garcia. E a proposito di main draw femminile, il Centrale è pronto a esaltarsi alle 20.30 per l’ingresso in campo di Jasmine Paolini. Sulla sua strada l’egiziana Mayar Sherif, numero 59 del ranking.

Tre azzurri alla Grand Stand: Darderi, Cobolli e Fognini

Fitto anche il programma della Grand Stand Arena, con tre azzurri in campo. Il primo a giocare sarà Luciano Darderi, protagonista del secondo match di giornata (intorno alle 12.30) contro Mariano Navone: è quasi un derby, visto che Darderi è italiano di origini argentine, mentre Navone è argentino di origini italiane. A seguire il match tra Flavio Cobolli e Sebastian Korda, figlio d’arte, e un’altra sfida che si preannuncia davvero interessante: quella tra un beniamino del pubblico romano, Fabio Fognini, e il numero 11 del seeding, Taylor Fritz. Fognini che ha vinto un match burrascoso contro Evans nel primo turno.

Gli altri italiani in gara: Errani, Gigante e Passaro

Non è finita, perché altri due italiani sono attesi in campo al Nicola Pietrangeli. Si tratta di Sara Errani, che nel quarto incontro di giornata su quel campo (tra le 16 e le 18) affronta un volto noto del circus, l’ucraina Elina Svitolina. A seguire il match tra Matteo Gigante, reduce dal successo nel derby su Giulio Zeppieri, e l’argentino Francisco Cerundolo. Un italiano in gara anche sul campo numero 2. È il ritrovato Francesco Passaro, che nel quarto incontro di giornata – a metà pomeriggio – affronta l’olandese Tallon Griekspoor con l’obiettivo dichiarato di stupire ancora.