“Costruire per ripartire”, questo è il mantra di Thiago Motta, ancora non ufficialmente alla Juventus ma già al centro del mercato. Come riporta il Corriere dello Sport, il tecnico ha in mente dei giocatori chiave per ridare qualità ai bianconeri. I discorsi con Giuntoli sono avviati, che dopo mesi di “limbo” è pronto a lavorare e a rimboccarsi le maniche.

Juve, la lista di Motta: Giuntoli prende nota Juve, chi fa da cassa? La rivelazione di Zazzaroni su Giuntoli

Juve, la lista di Motta: Giuntoli prende nota

Il muro portante è il centrocampo, che al momento ha forti crepe e per ridargli solidità il binocolo è caduto sulla Premier League, destinazione Birmingham. Al tecnico e al ds della Vecchia Signora piace molto Douglas Luiz, che con l’Aston Villa ha dimostrato di saper fare tutto in mediana. E nel 4-2-3-1 “mottiano” sarebbe il pezzo per completare il puzzle. Non solo interdizione, ma ben 9 gol e 5 assist, che fanno addolcire il palato dell’ex tecnico del Bologna. La richiesta è alta e la Vecchia Signora potrebbe inserire McKennie, gradito da quelle parti.

Restando in Italia, il nome che circola ormai da molto tempo nei corridoi bianconeri è Koopmeiners. L’Atalanta però non si siederà al tavolo per meno di 50 milioni di euro e difficilmente accetterà l’inserimento di altri giocatori nell’offerta. Più facile la trattativa per Calafiori, con la Juve che potrebbe insistere sulla volontà del calciatore, allenato da Thiago lo scorso anno. Gli deve molto, magari farà anche un favore a Giuntoli. I rossoblù vogliono 40 milioni, ma si può discutere.

E poi c’è Greenwood dello United, quest’anno al Getafe. Per esigenze di Financial Fair Play il club di Manchester deve cederlo entro il 30 giugno e resta più un’ipotesi, che una vera idea. Molto dipenderà anche dalle uscite per garantire la “sostenibilità”, parola chiave che la dirigenza di Madama ha sottolineato in rosso.

Juve, chi fa da cassa?

L’accesso alla prossima Champions League e la vittoria della Coppa Italia sicuramente aiuteranno, ma per fare un mercato importante anche qualche cessione è necessaria. L’arrivo imminente di Di Gregorio (chiesto da Motta per la sua abilità anche con i piedi) fa nascere qualche domanda sulla posizione di Szczesny, che è anche in scadenza di contratto. I bianconeri per guadagnarci qualcosa devono per forza cederlo questa estate. Ma la paura di perdere un fuoriclasse come il polacco e lasciare tutto nelle mani di un neo arrivato è tanta. Altri interrogativi sono posti su Chiesa, che piace anche alla Roma. L’esterno ama la Vecchia Signora, ma le offerte saranno valutate.

La rivelazione di Zazzaroni su Giuntoli

“Ritengo assai improbabile che l’ottimo Giuntoli riesca a soddisfare tutte le richieste di Motta, dando credito ai ripetuti e simpatici pianti che ogni tanto fa con qualche giornalista («non ci sono soldi»)” – ha rivelato il direttore del Corriere dello Sport in un suo editoriale. Intanto il ds ha appena ritrovato il suo braccio destro Giuseppe Pompilio, ufficializzato dalla Juve nelle scorse ore. Una mano in più per combattere un mercato che si presuppone molto caldo.