E’ rientrato dopo un lungo stop l’arbitro Massa, scelto da Rocchi per Juventus-Lazio un po’ a sorpresa visto che il fischietto ligure era reduce da diversi flop. Dopo essere stato mandato in B in Cremonese-Palermo senza convincere era rimasto fermo un turno. Designato dall’Uefa per la gara di Champions tra Real Madrid e Lipsia fece infuriare i tedeschi per la mancata espulsione di Vinicius, che aveva preso per il collo un avversario. Rocchi lo aveva scelto per lo scontro diretto in chiave Europa tra Fiorentina e Roma ma Massa sbagliò tutto anche al Franchi. Vediamo come se l’è cavata ieri allo Stadium.

I precedenti di Massa con Juventus e Lazio Massa ha ammonito due giocatori Juventus-Lazio, i casi da moviola Per Cesari giusto revocare il rigore

I precedenti di Massa con Juventus e Lazio

Erano 26 i precedenti tra Massa e la Lazio con un bilancio di 11 vittorie, 6 pareggi e 9 sconfitte. Per il direttore di gara ligure è stato il sesto incontro tra la Juventus e i biancocelesti, i precedenti erano terminati con tre sconfitte, due pareggi e una vittoria.

Massa ha ammonito due giocatori

Coadiuvato dagli assistenti Meli-Alassio, con quarto uomo Rapua-no, al VAR Di Paolo e all’AVAR Abisso l’arbitro ha ammonito due giocatori, entrambi della squadra di Allegri: 37’ Gatti (J), 85’ Weah (J). Recu-pero: 2’ p.t.; 5’ s.t.

Juventus-Lazio, i casi da moviola

Questi gli episodi dubbi. Al 14’ Vecino entra a gamba alta su Cambiaso che lo aveva anticipato, Massa concede il rigore che però viene revocato dal VAR:l’arbitro al monitor va a rivedere il contatto per una possibile posizione di fuorigioco prima dell’azione del penalty da parte di Cambiaso, confermato dal VAR e dallo stesso arbitro, il quale considera fortuito il tocco di Patric che rimette in gioco Cambiaso. Protesta lo Stadium, grossi dubbi. Al 68’ Casale interviene in scivolata su Chiesa in area di rigore ma riesce a sfiorare il pallone: niente rigore per Massa, nonostante le proteste dell’esterno. Corrette le due ammonizioni in Juventus-Lazio.

Per Cesari giusto revocare il rigore

A fare chiarezza è Graziano Cesari. L’ex arbitro a Canale 5 spiega: “Massa è molto vicino all’azione e Cambiaso sicuramente riceve un calcio da vicino. Il direttore di gara viene rimandato al VAR e ci sta una quindicina di secondi fischiando fuorigioco. Cambiaso era oltre la linea e Patric, stando la regola attuale, non è in piena libertà mentre colpisce il pallone quindi è giusto annullare il rigore. La regola è stata cambiata dopo la finale di Nations League del 2021 tra Francia e Spagna e bisogna tenerne conto: questa è stata la decisione giusta”.