C’è un gran week end alle porte col Gran Premio del Mugello, un Mondiale in palio, c’è una lotta a due per il titolo, a tre per ogni gara con Bagnaia, Martin e Marquez protagonisti. Ma la MotoGP in questo momento sembra essere completamente presa dal mercato piloti. Tutti aspettano il grande annuncio che riguarda il secondo nome da affiancare a Pecco nel team ufficiale Ducati. Proprio i due spagnoli, Jorge e Marc sono i naturali contendenti con Bastianini oramai defilato e quasi “condannato” a cercare di meglio altrove.

Facile quindi che ogni media day, ogni conferenza stampa pregara sia il luogo ideale per parlare, mandare messaggi e mettere in chiaro le rispettive posizioni. E quest’oggi al Mugello le tre stelle Ducati lo hanno fatto senza troppi giri di parole.

Mugello, Bagnaia parla del Mondiale e del mercato: “Ducati ambiente da preservare”

Pecco Bagnaia arriva in Toscana fresco della vittoria in Catalogna che ha riscattato le ultime cocenti sconfitte ma soprattutto la caduta nella Sprint iberica. Al Mugello Bagnaia è reduce da due vittorie consecutive e punta al tris: “Amo questo weekend, è il mio preferito. Guardare la gente che circonda il circuito rende tutto più magico e il Mugello si addice al mio stile di guida”. Anche sul Mondiale Pecco non usa giri di parole: “Penso che la battaglia sarà tra noi tre per il Mondiale. Tutti e tre abbiamo punti di forza e punti deboli. Ma nella parte finale della gara siamo più o meno allo stesso livello”

Lui, Bagnaia il posto per il 2025 ce l’ha assicurato con tanto di rinnovo in sella alla Ducati ufficiale. E allora Pecco si gode il rincorrersi di voci sul futuro compagno di scuderia tra Bastianini (oramai impossibile), Martin (molto probabile) e Marquez (difficile):

“Ducati mi ha chiesto, ma io non voglio dare un parere. Per me l’unica cosa che conta è che nessuno rovini l’ambiente che c’è adesso nel team, perché ci sono voluti molti anni per crearlo e non voglio assolutamente che venga rovinato. Ma voglio rimanerne fuori”.

MotoGp, Jorge Martin non si sbilancia su Mugello e Ducati

Battuto in Spagna, a casa sua, sia nella Sprint che nella gara, Jorge Martin punta decisamente a tornare sul gradino più alto del podio in casa degli altri, degli italiani. Per questo lo spagnolo non vede l’ora di scendere sul circuito della Scarperia: “Sarà un weekend importante, è il GP di casa del mio team e della Ducati. Voglio migliorare il risultato del Montmelò. Domenica Pecco è stato superbo e ha gestito la gara meglio di me”.

Inevitabile anche per lui la domanda sul futuro con Martin che sembra oramai a un passo dall’investitura ufficiale… a pilota ufficiale della Ducati: “Io penso solo alle corse, al resto ci pensa il mio staff, il mio manager, voglio concentrarsi sulle gare e sul Mondiale, il resto è solo speculazione”.

MotoGP Italia, Marquez perentorio: “Pramac non è opzione 2025”

Chi sembra avere le idee chiare è Marc Marquez. Lo spagnolo del team Gresini è entrato solo quest’anno nel mondo Ducati dopo tanti anni di Honda. Ma ci ha messo poco, pochissimo per tornare competitivo con una moto che non è la Desmosedici di ultima generazione come quella di Martin e Bagnaia. Il pluri campione del mondo MotoGP punta alla Ducati ufficiale che però sembra assegnata a Martin.

Marquez non si scompone più di tanto, almeno davanti a microfoni e taccuini ma scarta decisamente l’opzione che molti hanno paventato, forse anche la stessa Ducati, cioè prendere il posto di Martin in Pramac:

“Pramac non è un’opzione per me nel 2025. Non voglio passare da un team satellite a un altro. Sono contento di essere tornato competitivo. Ma se vuoi lottare per il titolo devi cercare di avere una struttura ufficiale alle spalle. Spero di sapere il mio futuro entro il Sachsenring”

MotoGP, ufficiale: il GP India salta, come cambia il calendario