La Sprint Race del GP delle Americhe è stato dominato da un Maverick Vinales in gran forma, davanti a Marc Marquez e Jorge Martin. E mentre il pilota dell’Aprilia ha praticamente governato la gara veloce senza grossi patemi d’animo, facendo anche il vuoto, chi invece ha masticato amaro è stato Francesco Bagnaia, partito quarto in griglia ma precipitato in coda alla top ten a causa di una pessima partenza.

GP delle Americhe, la partenza disastrosa di Bagnaia nella Sprint Race Bastianini: “Mi ha sorpreso la mancanza di grip oggi con la Ducati” Bagnaia: “Troppe vibrazioni, è andato tutto storto oggi” “Cambieremo solo la gomma per domani”

GP delle Americhe, la partenza disastrosa di Bagnaia nella Sprint Race

La Ducati GP24 del campione del mondo regnante infatti ha subito una piccola impennata una volta rilasciata la frizione nello start. Dalle prime ricostruzioni si è parlato di una mancanza di grip con conseguente vibrazione della due ruote, che ha così spinto Pecco nella zona centrale della corsa, finendo decimo per poi fare una piccola rimonta verso l’ottavo posto con 9 secondi di ritardo, toccando per un pelo la zona punti.

Rivivi la Sprint Race di Austin

Con una classifica iridata che però vede sempre Martin primo a quota 67, mentre Bagnaia è quarto a 28 lunghezze dal rivale. Secondo posto invece con 43 punti per l’altro ducatista ufficiale, Enea Bastianini, che in questa Sprint si è posizionato sesto al traguardo.

Bastianini: “Mi ha sorpreso la mancanza di grip oggi con la Ducati”

Lo stesso Bastianini ai microfoni di Sky Sport ha confermato la mancanza di grip. “È stata una sorpresa, non avevamo mai riscontrato una cosa del genere. Ho faticato in tutta la gara, anche se i tempi li ho mantenuti sin dall’inizio e ho recuperato posizioni”.

Poi il pilota ha commentato sul fatto che possa essere tra i pretendenti al titolo, vista la sua momentanea posizione in classifica (ma la stagione è ancora lunghissima): “Mi piacerebbe – ha ammesso – ma ancora ci manca qualcosina, la dobbiamo trovare. Se continuiamo a lavorare così potremo fare meglio”.

Bastianini ha quindi concluso, toccando l’argomento gomma: “Diciamo che la soft si è usurata abbastanza in questo Sprint, domani dobbiamo valutare la media. È vero che di solito preservo le gomme, ma con questa MotoGP questa cosa è andata a complicarsi. Difficoltà nel ritmo? Diciamo che i nostri ragazzi lavorano sempre molto bene, sono sicuro che domani troveranno una soluzione. A me non è mai successo di avere problemi di grip così”.

Bagnaia: “Troppe vibrazioni, è andato tutto storto oggi”

Tocca quindi a Pecco, che sempre a Sky Sport ha commentato amaro, pur mantenendo un sorriso nervoso: “Purtroppo tutto quello che mi sarei immaginato oggi non era presente. Sino a stamattina era tutto perfetto, facendo pure la best lap alla fine della FP2, oggi in gara ero un secondo, un secondo e due più lento, non c’era modo di spingere: troppe vibrazioni, in partenza ho spinnato, tutto male oggi”.

“Cambieremo solo la gomma per domani”

Ancora, Bagnaia ha analizzato: “Nello stesso momento in cui sono partito si è alzato il retrotreno e stavo scivolando. Ho dovuto rilasciare la frizione e ho perso posizioni. E da lì diventa molto complicato. è stato tutto complicato. Gli interventi prima del via? Hanno deciso di cambiare il parafango prima della partenza, ma la cosa non ha influito. Il problema è stata l’impennata che mi ha fatto perdere delle posizioni, poi alla curva 2 Miller ha avuto un problema e io ho dovuto frenare, e gli altri mi hanno così sorpassato. Mi mancava spinta fuori dalle curve e arrivavo perciò in ritardo”.

Infine Pecco ha concluso: “Oggi era talmente pessimo il feeling che domani sono sicuro che senza toccare nulla, cambiando gomma e basta, andrà tutto bene. Non toccheremo nulla – ha ribadito – abbiamo il tempo per analizzare le cose e da quel punto di vista faremo lo step”.

MotoGP Austin, GP delle Americhe: dove vederlo in diretta tv e streaming, orari gara