Napoli e Roma si dividono la posta in palio al Maradona: finisce 2-2 ed è un risultato che premia soprattutto la squadra di De Rossi. Mastica amaro Calzona, che pregustava il successo in rimonta, prima del pareggio all’89’ di Abraham.

Napoli-Roma 2-2: De Rossi analizza il pareggio del Maradona Roma: Ndicka, ritorno e assist dopo il grande spavento Napoli, Calzona e la spiegazione del cambio prima del corner Missione Europa: Calzona ci crede ancora? E il consiglio ad ADL

Napoli-Roma 2-2: De Rossi analizza il pareggio del Maradona

È un punto prezioso per la Roma, quello ottenuto al fotofinish al Maradona. “Abbiamo pareggiato e non è un risultato da buttare qui a Napoli, ma non è quello che volevamo – ha commentato Daniele De Rossi ai microfoni di Sky -. Penso che siano davvero forti, ma contro queste squadre bisogna essere più puliti quando si ha la palla. Bisogna fare meglio e ritrovare le forze, perché giovedì abbiamo una partita contro un’altra squadra che gioca bene”. “Stanchezza? Questa è una rosa costruita con non tantissimi palleggiatori a centrocampo. Quando manca Paredes si sente, ma dobbiamo fare meglio perché non ci può essere sempre. Se pensiamo alla stanchezza faremo fatica da qui alla fine”.

Roma: Ndicka, ritorno e assist dopo il grande spavento

Ndicka, schierato dal primo minuto, si è reso protagonista nell’azione del 2-2 con l’assist per Abrahma. “Non solo quello, ha marcato Osimhen tutta la partita – rimarca De Rossi -. Sono contento per il gol di Tammy dopo un periodo duro. Ci servono tutti in questa fase e speriamo di recuperare anche Lukaku e Smalling per giovedì. Sanches? È entrato bene in un momento difficile ed è stato sfortunato in occasione del rigore. Non ha mai giocato 90 minuti, ma è un calciatore importantissimo”.

Napoli, Calzona e la spiegazione del cambio prima del corner

“Abbiamo peccato su due episodi. Sapevamo della forza della Roma sulle palle ferme e per questo ho fatto un cambio prima di quell’angolo (Ostigard per Traoré, ndr). Volevo aggiungere un difensore, ma non è bastato. La partita era al 90′, ho levato un ragazzo che avevo messo a partita in corso ma che non ha fisicità e in quel momento avevo bisogno di quello. Abbiamo preso due gol su calcio piazzato” ha detto Calzona a Sky -. Sono molto felice della prestazione, che è stata d’orgoglio, di qualità”. Il tecnico del Napoli aggiunge: “I ragazzi sentono il peso addosso della situazione. Però io ho il dovere di farli allenare e provare a farli giocare a calcio. Oggi abbiamo concesso pochissimo a una squadra che ha segnato tanto con la gestione De Rossi. Se si gioca così, di partite se ne perdono poche”.

Missione Europa: Calzona ci crede ancora? E il consiglio ad ADL

“Da questa partita esco rinfrancato. Certo, se non vinci, diventa tutto più difficile: dobbiamo guardare partita per partita – dice -. Il calendario non è una mia preoccupazione perché i malati siamo noi e dobbiamo pensare prima a noi stessi e poi all’avversario. Voglio che da qui alla giochiamo così”. “Un consiglio a De Laurentiis sul prossimo allenatore? Non ha bisogno dei miei consigli: è 20 anni che fa calcio e sarà lui a scegliere i suoi collaboratori. Non sta a me dare consigli a De Laurentiis”.