Terza vittoria consecutiva per la Roma, che sbanca l’U-Power Stadium con il finale di 4-1: gol di Pellegrini e Lukaku nel primo tempo, di Dybala e Paredes (su rigore) nella ripresa.

Di Andrea Carboni il gol della bandiera per gli uomini di Palladino, che vanno ko dopo cinque risultati utili di fila rimanendo in zona tranquillità. Grazie al blitz brianzolo, invece, i giallorossi si avvicinano alla zona Champions portandosi momentaneamente a -1 dal Bologna quarto, + 6 dalla Fiorentina settima e a +1 sull’Atalanta sesta.

Monza-Roma, la chiave della partita Monza, top e flop Roma, le pagelle Monza-Roma, la pagella dell’arbitro Il tabellino di Monza-Roma

Monza-Roma, la chiave della partita

La leggerezza con cui gioca la Roma, che rischia poco e produce tanto. Piede costantemente pigiato sull’acceleratore, tanta voglia di fare la partita e quando là davanti hai Dybala e Lukaku, oltre all’ispirazione di un talento cristallino come Pellegrini su cui era un’eresia non fare affidamento, diventa tutto più facile. De Rossi sta facendo la differenza come quando giocava.

RIVIVI IL LIVE DI MONZA-ROMA

Monza, top e flop

Juric 6: Difeso da Galliani è l’unico a raggiungere la sufficienza piena con Andrea Carboni: un palo e un tiro di poco alto sulla traversa. Mette in difficoltà N’Dicka. Carboni 6: Gran gol, il primo in Serie A. Serve solo a rendere meno amara la sconfitta. Birindelli 5.5: Generoso, piede educato, ma non abbastanza quando calcia sul fondo dopo un bella bella sortita palla al piede. Uccellato da Pellegrini nell’azione che sfocia nell’1-0 Roma. Si accende a intermittenza. (dal 22′ pt) Valentin Carboni 5.5: Prova a far valere la sua velocità ma non riesce a tirar fuori giocate efficaci. Colpani 5.5: Bell’assist per Djuric, che centra il palo: poi una partita anonima. Pessina 5: Non pervenuto, in difficoltà e fuori dal gioco. Dany Mota 5: Tanto fumo e niente arrosto.

Roma, le pagelle

Svilar 6: Attento sul tentativo dalla distanza di Birindelli e nell’anticipo su Dany Mota dopo il gol del vantaggio di Pellegrini. Scarsamente impegnato, ma sempre sul pezzo. Ammonito per perdita di tempo. Nel finale capitola ma il gol di Andrea Carboni è da applausi e c’è poco da fare. Kristensen 6: Commette fallo su Andrea Carboni e viene ammonito: era in diffida e salterà la sfida con la Fiorentina. Un match che avrebbe con ogni probabilità non giocato a prescindere, causa del problema a un flessore che lo costringe a lasciare il campo tra preoccupanti smorfie di dolore (29′ pt Celik 6: Entra col piglio giusto, mette dentro un bel pallone per Lukaku che sfiora il 3-0. Nella ripresa si perde completamente Andrea Carboni su un calcio d’angolo: colpo di testa alto, graziato). Mancini 6.5: Guida con personalità la difesa (32′ st Huijsen sv: Entra a giochi fatti). N’Dicka 6: Si fa anticipare da Djuric, che timbra il palo su assist di Colpani. Nel secondo tempo dimostra ancora di soffrire il diretto avversario, che arriva alla conclusione su invito di Birindelli non riuscendo a tenere la palla bassa. Angelino 6: Contiene con fortune alterne l’intraprendente Birindelli e per fermalo gli rimedia un pestone beccandosi un giallo evitabile e De Rossi lo sostituisce (14′ st Smalling 6: Valentin Carboni ha un altro passo, ma con mestiere lo contiene). Cristante 6: Il VAR gli blocca in gola l’urlo di gioia: gol annullato per fuorigioco di Dyala, che gli aveva offerto l’assist a rimorchio. Dà equilibrio alla mediana giallorossa. Paredes 6: Birindelli gli scappa via ma pecca di egoismo calciando sul fondo in diagonale: sarebbe potuto essere il gol dell’1-0 Monza. Non particolarmente brillante anche in fase di possesso. Si fa perdonare con un gran rigore, dritto all’incrocio. Pellegrini 7.5: Sblocca il risultato con il quinto gol in otto partite con una magia: aggira Birindelli da fermo e piazza il pallone in buca d’angolo con un colpo da biliardo. Si conferma il valore aggiunto della Roma di De Rossi (14′ st Bove 6: Pericoloso, subito sul pezzo come vuole De Rossi da chi subentra). Dybala 7: Dopo la tripletta contro il Torino il livello di aspettativa era altissimo e Dybala non delude. Segna con una punizione velenosa chiudendo i conti. Assist al bacio per Lukaku (32′ st Baldanzi sv: Vedi Huijsen). Lukaku 7: Decimo gol della stagione in Serie A. Non trovava la rete in campionato da gennaio contro il Verona. Fa festa con un bel piattone sinistro, sfiora il raddoppio trovando la parata coi piedi di Di Gregorio. Poco prima aveva innescato Pellegrini dando il là all’azione del momentaneo 0-1 e sfiorato il vantaggio con uno scavetto disinnescato da Pablo Marì. El Shaarawy 6: Il meno in palla nel tridente della Roma, ma si fa apprezzare per la generosità con cui ferma Colpani. Caldirola lo mura sul finire del match. De Rossi (allenatore) 7.5: Ha cambiato la Roma. Dalla prima gara della sua gestione (21ª giornata), solo l’Inter (18) aveva segnato gol. A Monza è arrivato il sorpasso: giallorossi a quota 19. Oltre le statistiche, però, c’è una gestione lucida e brillante con la sensazione che tutti si sentano più che mai coinvolti in un progetto tecnico-tattico propositivo e convincente. Acclamato dai tifosi non per caso.

Monza-Roma, la pagella dell’arbitro

Monza-Roma è stata diretta da Marco Piccinini di Forlì coadiuvato dagli assistenti Vecchi e Mokhtar. Quarto ufficiale Prontera. Al VAR Pairetto, al suo fianco Abisso. Annullato un gol per fuorigioco a Cristante, concesso un rigore per fallo di Bondo Warren su Hujisen: decisioni corrette. Ben calibrata la gestione dei cartellini. Voto 6.5.

Il tabellino di Monza-Roma

Il tabellino.

MONZA-ROMA 1-4

MARCATORI: 37′ Pellegrini (R), 41′ Lukaku (R), 63′ Dybala (R), 81′ rig. Paredes (R), 86′ Carboni (M).

MONZA (4-2-3-1): Di Gregorio; Birindelli, Mari, Caldirola, A. Carboni; Gagliardini (22′ pt V. Carboni), Bondo; Colpani (1′ st Kyriakopoulos), Pessina, Mota (20′ st Maldini); Djuric. All.: Palladino.

ROMA (4-3-3): Svilar; Kristensen (27′ pt Celik), Mancini (32′ st Hujsen), Ndicka, Angeliño (14′ st Smalling); Cristante, Paredes, Pellegrini (14′ st Bove); Dybala (32′ st Baldanzi), Lukaku, El Shaarawy. All.: De Rossi.

ARBITRO: Piccinini di Forlì.

NOTE: Ammoniti: Kristensen (R), Angeliño (R), Svilar (R). Recupero tempo: pt 6′, st 4′.