Marcell Jacobs da lontano guarda l’Italia ma pensa solo a prepararsi. La scelta di lasciare casa per andare ad allenarsi in Florida sembra dare i frutti sperati almeno sotto il profilo psicologico con il campione olimpico di Tokyo che sembra essere più sereno che mai e soprattutto pronto a dare battaglia in una stagione che si preannuncia molto interessante.

Jacobs in gara allo Sprint Festival Addio infortuni: l’ambizione di Jacobs Europei e Olimpiadi: la rivincita di Marcell

Jacobs in gara allo Sprint Festival

Marcell Jacobs sarà in gara allo Sprint Festival di Roma il prossimo 18 maggio e per presentare la sua partecipazione ha concesso un’intervista a Sky Sport: “Lo Sprint Festival sarà una gara importante su suolo italiano a Roma, dove ho abitato e dove abiterò per preparare le Olimpiadi. Dal punto di vista mentale sto da dio, sono in una fase in cui tutto sta andando bene. Sono qui, sono rilassato, tranquillo. Mi focalizzo solo sugli allenamenti. Anche con l’allenatore si è instaurato un bel rapporto, lui è uno di quelli che ti sprona. E’ uno scienziato, tutto quello che facciamo è ripreso dal computer”.

Addio infortuni: l’ambizione di Jacobs

Gli ultimi due anni di Marcell Jacobs sono stati complicati dal punto di vista fisico con tanti infortuni che non gli hanno permesso di competere come avrebbe voluto. “Il mio grande obiettivo è stare in salute perché sono che quando sono in salute posso andare forte. La vita qui è tutta casa e campo, vivo in un bel quartiere e quindi possiamo uscire con i bambini. L’unica cosa che ho fatto è stata andare a vedere un rodeo a Dallas”.

Europei e Olimpiadi: la rivincita di Marcell

Annata particolare e ricca di appuntamenti. Il primo che sembra quasi passare in secondo piano (ma non è così) sono gli Europei di Roma con la possibilità di gareggiare davanti al proprio pubblico; il secondo ovviamente le Olimpiadi di Parigi: “Per me è una rivincita, sono stati due anni complicati dopo le Olimpiadi, voglia di riprendere quella medaglia e concentrarmi sugli obiettivi. La staffetta? Abbiamo corso con una nazione alle nostre spalle. Sarò felice a settembre avrò confermato i due titoli con cui arriverò alle gare, titolo di campione europeo e titolo di campione olimpico. Il mio sportivo preferito? Lewis Hamilton”.