Una Cremonese versione rullo compressore asfalta 4-1 il Catanzaro e centra la qualificazione alla finale dei play-off di Serie B. Tra i grigiorossi e il ritorno in A c’è solo il Venezia nel doppio confronto in programma il 30 maggio e il 2 giugno. Il 2-2 dell’andata lasciava pensare a una partita equilibrata, invece allo Zini si assiste a un match senza storia.

Cremonese-Catanzaro, la chiave della partita Top e flop della Cremonese Top e flop del Catanzaro Il tabellino di Cremonese-Catanzaro

Cremonese-Catanzaro, la chiave della partita

Si gioca in uno Zini sold out per la semifinale di ritorno dei playoff di Serie B. Si parte dal 2-2 dell’andata in Calabria ed è un risultato che consente alla Cremonese, meglio piazzata al termine della regular season, di avere due risultati su tre a disposizione. Stroppa rilancia Coda dal primo minuto, supportato da Vazquez e Buonaiuto, mezzala con licenza di offendere. A Castagnetti il compito di far girare la squadra. Vivarini risponde col 4-4-2: Biasci e Iemmello le due punte. Proprio la sfida a distanza tra i due bomber è uno dei duelli più interessanti che va in scena: 16 i gol in campionato per Coda, 17 quelli messi a segno da Iemmello, considerando anche i due realizzati ai playoff.

Rivivi tutte le emozioni di Cremonese-Catanzaro

Il primo sussulto dopo 120 secondi: punizione insidiosa di Castagnetti e miracolo di Fulignati che con un balzo felino riesce a deviare il pallone sul palo. La partita si sblocca presto: ripartenza dei grigiorossi con Coda che serve Vazquez: il Mudo dal limite piazza la palla all’incrocio e fa venire giù lo Zini. Il raddoppio è immediato e anche di splendida fattura: lancio millimetrico di Castagnetti e Buonaiuto insacca con una girata al volo. Alla mezzora squillo dei calabresi: tiro di Vandeputte e pallone che stampa un bacio alla traversa. Ma è solo un acuto, perché la partita è saldamente nella mani di una Cremonese feroce che aggredisce gli avversari senza tregua. Da una palla recuperata da Antov arriva anche il tris comodo comodo di Coda, che fa 17 in stagione.

Nella ripresa l’undici di Stroppa controlla il match senza correre rischi, mentre il Catanzaro resta in dieci per l’espulsione di Brignola. L’inferiorità numerica facilita ancor più il compito ai lombardi: Collocolo sfonda in area e serve in mezzo Sernicola per il 4-0. Nel finale Antonini trova il gol della bandiera che rende meno amaro il ko dei giallorossi. Donnarumma realizza subito dopo anche il 4-2, ma la rete è annullata per fuorigioco dopo il consulto col Var. Finisce così: il Catanzaro si arrende in semifinale, la Cremonese si giocherà la promozione in A col Venezia.

Top e flop della Cremonese

Vazquez 7,5: Esperienza, qualità e talento al servizio del Catanzaro. Splendido il gol con cui apre le danze (ri)avvicinando la Cremonese alla Serie A. Buonaiuto 7,5: Stroppa l’ha scelto proprio per mettere in difficoltà il Catanzaro con la sua posizione in campo. Missione pienamente compiuta. Con tanto di perla in acrobazia. Coda 7,5: Il 35enne bomber campano non si lascia ingolosire dalla possibilità di calciare: avanza, porta palla, con la ‘Coda’ dell’occhio vede Vazquez, lo serve e il Mudo fa il resto. Generosità e intelligenza ripagata quando proprio Vazquez e Antov gli consentono di andare a bersaglio col più facile dei gol. Castagnetti 7: Fulignati e il palo gli negano la gioia del gol su punizione dopo una manciata di secondi. Si rifà con l’assist meraviglioso alla Pirlo per Buonaiuto: da vedere e rivedere in loop. Antov 7: Sradica il pallone dai piedi di Vandeputte, scambia con Vazquez e confeziona un cioccolatino per il tap in di Coda che vale il 3-0. Sernicola 7: Partecipa al festival del gol grazie all’assist che gli confeziona Collocolo.

Top e flop del Catanzaro

Antonini 5,5: Tergiversa in copertura su Vazquez anziché andare a mordergli le caviglie. E l’ex Palermo lo castiga. Nel finale trova un gol tanto bello quanto inutile. Vandeputte 5: Sfortunato quando centra la traversa a causa di una deviazione. Poco dopo si fa soffiare il pallone da Antov e i lombardi calano il tris che infrange ogni speranza di rimonta. Iemmello 5: Il capitano e capocannionere del Catanzaro perde una palla sanguinosa sulla trequarti innescando il contropiede letale dei grigiorossi. Oliveri 5: Si lascia sorprendere dal lancio millimetrico di Castagnetti: Buonaiuto lo brucia e segna. Brignola 4: Entrato nella ripresa per tentare il tutto per tutto, si fa espellere per qualche parola di troppo e fuori luogo nei confronti dell’arbitro.

Il tabellino di Cremonese-Catanzaro

Cremonese (3-5-2): Saro; Antov, Ravanelli (46′ Lochoshvili), Bianchetti; Zanimacchia (72′ Ghiglione), Pickel (61′ Falletti), Castagnetti, Buonaiuto (54′ Collocolo), Sernicola; Vazquez (61′ Majer), Coda. A disposizione: Jungdal, Marrone, Ciofani, Abrego, Quagliata, Johnsen, Tsadjout. Allenatore: Giovanni Stroppa

Catanzaro (4-4-2): Fulignati; Oliveri, Scognamillo, Antonini, Veroli; Sounas (46′ Brignola), Pontisso (46′ Pompetti), Petriccione, Vandeputte; Biasci (59′ Donnarumma), Iemmello. A disposizione: Sala, Verna, Stoppa, Brighenti, Krajnc, Rafele, Viotti, Miranda, Situm. Allenatore: Vincenzo Vivarini

Arbitro: Maurizio Mariani

Ammoniti: Antonini, Scognamillo, Pompetti

Espulso: Brignola al 62′

Marcatori: 11′ Vazquez, 18′ Buonaiuto, 37′ Coda, 69′ Sernicola, 80′ Antonini