Per liquidare Ben Shelton in appena due set (7-6, 6-1), Jannik Sinner ci ha impiegato un’ora e 38 minuti di gioco. Tanto per ribadire che l’obiettivo primo a Indian Wells non si limita a un risultato tangibile, pragmatico ma va contestualizzato in un progetto di più lungo termine e che, in linea con il programma studiato dal suo staff, porterà il tennista azzurro oltre.

Torniamo ai quarti e a quando Jannik dovrà scendere nuovamente in campo, stavolta contro Jiri Lehecka, arrivato un po’ a sorpresa a contendersi l’accesso alla semifinale dopo aver estromesso Stefanos Tsitsipas, il quale sta affrontando una fase di down.

L’attuale numero 3 del ranking ATP scenderà in campo domani, 14 marzo, orario da definire per riuscire ad aggiudicarsi un posto in semifinale.

Sinner si prepara ai quarti Dove vedere Sinner-Lehecka in tv e streaming I precedenti Il rientro di Berrettini anche in tv La conferenza stampa

Sinner si prepara ai quarti

L’azzurro ha iniziato l’anno con la prima vittoria in un torneo del Grande Slam, ovvero gli Australian Open (nessun italiano c’era mai riuscito prima di lui) e a seguire l’ATP di Rotterdam, conquistando il terzo posto in classifica, risultato mai ottenuto da un italiano prima di lui. Neanche da Adriano Panatta e da Nicola Pietrangeli, per intenderci.

Indian Wells costituisce l’occasione, importante, per riuscire a scavalcare Carlos Alcaraz nella classifica ATP, che vede Jan occupare la 3° posizione. Lo spagnolo aveva vinto l’ultima edizione, accumulando punti fondamentali nel consolidare e poi difendere la seconda piazza nel ranking. Secondo i calcoli spiegati a più riprese, il ranking virtuale piazza già Jannik alle spalle di Djokovic ma il sorpasso andrà conquistato sul campo.

Dove vedere Sinner-Lehecka in tv e streaming

Per avere certezze, si dovrà attendere ancora e verificare soprattutto l’orario in cui si disputerà questo match che vale più di quanto appare sulla carta: oltre a un posto in semifinale, ovviamente c’è altro in palio come spiegato sopra e come insistiamo nel sottolineare così da dare evidenza alla puntualità e alla precisione che la preparazione studiata dai suoi coach sta dimostrando.

Per chi volesse vedere in diretta o in streaming la partita che vedrà contrapposti Jan a Lehecka potrà farlo su Sky Sport e in streaming su Now il 14 marzo (orario ancora da definire, ma si presume sarà uno dei match clou della giornata): Sky Sport Tennis sarà affiancato da Sky Sport Max o Sky Uno.

Riepilogando, per seguire in tv e streaming Jan, ecco le coordinate per seguire uno degli incontri clou del programma:

Partita: Sinner-Lehecka Data: 14 marzo Orario: da definire Diretta: Sky Sport Tennis Streaming: Now e SkyGO

SEGUI SINNER LIVE SU NOW

I precedenti

Aspetto interessante riguarda l’assenza di precedenti tra i due contendenti: nel circuito, infatti, non risultano incontri ufficiali tra Sinner e Lehecka. Quarto di finale, dunque, ancora più interessante.

Il rientro di Berrettini anche in tv

Cambiamo torneo, per una parentesi: esordio atteso ma positivo quello di Matteo Berrettini, che torna in campo a Phoenix. L’ex finalista di Wimbledon ha superato nella notte (diretta Supertennis) un altro francese, Hugo Gaston, numero 85, che non ha mai affrontato in carriera.

Il romano rientra dopo una stagione complicata, ma con la determinazione necessaria anche a sostenere una ripresa dal punto di vista fisico e mentale.

La conferenza stampa

Nel post partita, Jan si è mostrato estremamente sereno ed appagato dal risultato. “Anche oggi ci siamo parlati con Cahill prima di entrare in campo, abbiamo preparato la partita, però ci siamo domandati come faccio a diventare un giocatore migliore. Se oggi vinco e gioco uguale all’anno scorso non sono contento”. Contro avversari così forti “devi giocare sempre aggressivo. La pressione c’è sempre, le aspettative mie su me stesso ci sono sempre. Mi sento preparato fisicamente, tennisticamente, mentalmente, poi il risultato è un aspetto piccolo di un lavoro grande che c’è dietro – ha spiegato l’italiano – Se oggi vinco e gioco uguale all’anno scorso non sono contento. Invece ho servito meglio la seconda, soprattutto nei punti importanti. Ho reagito anche bene mentalmente in momenti chiave.

Nel primo set ho avuto un set point e lui ha preso il nastro. Nel tie-break da 4-1 mi ritrovo 4-4, ma sono questi i momenti che mi piacciono: in campo devi essere contento anche se le cose non vanno benissimo”. “Non do mai niente per scontato. In ogni torneo, in ogni partita, cerchi di dare il meglio, di restare mentalmente concentrato. Ogni giorno poi hai di fronte un avversario diverso, oggi ne avevo uno come Shelton che serve incredibilmente bene ed è anche mancino”, ha aggiunto.

“Quando sei giovane è più facile migliorarsi. Cresci tanto fisicamente, lavori molto in palestra, diventi più forte e puoi servire più veloce per un periodo di tempo più lungo – ha detto – Ho ancora 22 anni, ne compirò 23 (ad agosto) e spero di poter ancora migliorare il servizio finché non diventerà un colpo solido. Sento che lentamente ci sto arrivando. Non è solo una questione di velocità, ma di poter scegliere come servire, se tirare al corpo, giocare kick o slice. Ma per raggiungere quel punto, devi capire cosa funziona meglio. L’anno scorso ho cambiato il movimento del servizio a metà della stagione, c’è tanto lavoro dietro”.

Il campione di Sesto Pusteria si è toccato spesso il gomito nel corso della partita con Shelton, ma ha rassicurato tutti: “Quando il tuo avversario serve sempre forte, qualche volta non prendi bene la palla, hai tante vibrazioni dalla racchetta nel braccio. Poi qui le palline qui dopo un po’ diventano pesanti e un po’ lo senti. Ma sto bene”, ha concluso.

SEGUI SINNER LIVE SU NOW