Con un tweet piccato, Sandro Piccinini scalda il pre-partita della semifinale di ritorno di Champions League, Real Madrid-Bayern Monaco, che lo ha visto protagonista al commento dell’incredibile vittoria in rimonta nel finale firmata da Joselu. Il telecronista di Prime Video se l’è presa con la postazione riservatagli nella tribuna stampa del Bernabeu e, con velata ironia, non le ha mandate a dire. Inevitabile la reazione dei social.

Piccinini polemico prima di Real-Bayern Piccinini cita Mike Bongiorno Pieno di Like e commenti per Piccinini

Piccinini polemico prima di Real-Bayern

È un Sandro Piccinini polemico quello che, su Twitter, commenta con un ironia, ma senza nascondere il proprio fastidio la postazione riservatagli in tribuna stampa al Bernabeu per la telecronaca della semifinale di ritorno di Champions League tra Real Madrid e Bayern Monaco, che ha premiato la squadra di Carlo Ancelotti in un finale infuocato deciso dalla doppietta in tre minuti di Joselu.

Piccinini cita Mike Bongiorno

Prima dell’inizio del match, l’iconico telecronista ora a Prime ha scaldato i social citando Mike Bongiorno e il famosissimo spot per una grappa girato dal compianto presentatore in vetta al Monte Bianco: “Come la Grappa Bocchino: postazione Bernabeu Sempre più in alto! Non avendo la squadra italiana in campo si approfittano di noi… Ma ce la gustiamo lo stesso”.

[iol_placeholder type=”social_twitter” url=”https://twitter.com/RealPiccinini/status/1788254390639378911″ profile_id=”RealPiccinini” tweet_id=”1788254390639378911″/]

Pieno di Like e commenti per Piccinini

Virale in men che non si dica, il post ha attirato una mezza infinità di like e commenti. Qualcuno consiglia: “Mi sa che se la vedi in tv e fai la telecronaca in smartworking la vedi meglio” e ancora: “Maleducati ma forza Sandro!”, “Binocolo da teatro?”. C’è chi suggerisce: “Lancia un areoplanino di carta durante la gara” e chi si propone: “Se vuoi ti aiuto da casa con la telecronaca!”. Chi chiede: “Ma quanti anelli ha il nuovo Bernabéu?” e, infine, chi ammonisce: “Sempre più in alto. Sempre più difficile. Sempre meno considerati i giornalisti“.