Dopo essere andato in gol anche ieri sera nella spettacolare vittoria sul Brighton in Europa League, Romelu Lukaku ha ringraziato la Roma e l’ambiente della capitale: le sue parole, però, sono suonate come l’ennesima frecciata all’Inter, che l’ha lasciato andare la scorsa estate.

Roma, Lukaku in gol contro il Brighton Lukaku, il grazie alla Roma e la frecciata all’Inter Roma, Lukaku ringrazia Mourinho e De Rossi

Roma, Lukaku in gol contro il Brighton

L’Inter in questa stagione non ha problemi in attacco, eppure qualche tifoso nerazzurro potrebbe aver rimpianto il Romelu Lukaku apprezzato ieri sera con la maglia della Roma contro il Brighton. L’attaccante belga è andato in gol nel 4-0 rifilato alla squadra di De Zerbi nell’andata degli ottavi di Europa League, ma oltre alla rete ha riempito la sua partita di altre giocate importanti per la squadra giallorossa. E a fine gara Big Rom s’è lasciato andare a una dichiarazione d’amore per la Roma.

Lukaku, il grazie alla Roma e la frecciata all’Inter

Le sue parole, però, sono sembrate, al tempo stesso, anche una frecciata all’Inter, che la scorsa estate l’ha lasciato andare senza riscattarlo dal Chelsea, come lui invece si aspettava. “Cerco sempre di dare il massimo per la Roma perché ero in una situazione difficile – ha dichiarato Lukaku a fine partita -, tanta gente non sa quale fosse la mia situazione, ma ringrazio tanto la Roma per avermi aiutato”.

Roma, Lukaku ringrazia Mourinho e De Rossi

Lukaku ha raccontato di essersi sentito immediatamente ben voluto dai tifosi della Roma e di essersi ritrovato in una situazione addirittura migliore di quella che gli aveva descritto il suo connazionale Radja Nainggolan, che come lui in carriera aveva indossato la maglia dei giallorossi e quella dell’Inter. “Quando sono arrivato ho visto subito l’amore dei tifosi per questa magnifica squadra – ha continuato Lukaku -. Nainggolan mi aveva preparato tanto negli ultimi giorni per come mi sarei dovuto comportare alla Roma. I miei compagni sono stati bravissimi con me, Mourinho mi ha aiutato e adesso lo sta facendo De Rossi”.