Luci puntate sulla 34ª giornata di Serie C, che apre il sipario con la vittoria del Padova contro la Pergolettese e un’altra sconfitta del Catania contro il Giugliano. Buio pesto per i rossazzurri che rischiano ora di finire nella zona rossa a poche giornate dalla fine del campionato. Tre punti importanti per la Fermana, che resta all’ultimo posto ma alimenta le speranze playout in vista delle ultime partite.

Il Padova ritrova il sorriso Cade la Torres, Carrarese di corto muso Profondo rosso(azzurro) Catania

Il Padova ritrova il sorriso

La classifica del girone A vede due squadre che vivono un mondo a parte: il Mantova prima in classifica e il Padova al secondo posto. I biancoscudati contro la Pergolettese ritrovano la vittoria dopo quattro giornate e tengono a distanza le rivali per il secondo gradino del podio, molto vantaggioso in ottica playoff. All’Euganeo la partita resta per lunghi tratti in equilibrio: Fusi la sblocca dopo venti minuti, Arini risponde sul finire del primo tempo e poi Palombi firma il gol dei tre punti nella ripresa.

Cade la Torres, Carrarese di corto muso

Si ferma a otto la striscia di risultati utili della Torres, che esce senza punti dal match contro il Gubbio. Decisivo il gol di Bernardotto alla mezz’ora fi gioco. La squadra di Braglia rivede la luce dopo tre sconfitte e si tiene stratta il quinto posto in classifica. Successo di corto muso anche pe la Carrarese che festeggia al 90′ nel big match contro il Perugia grazie alla rete di Finotto. Vince anche la Lucchese in rimonta contro la Vis Pesaro, dopo il vantaggio iniziale firmato da Di Paola, poi ribaltato da Pinna, Tiritiello e Yeboah.

I marchigiani restano così nel gruppo della squadre in lotta per i playout. I toscani invece attaccano la zona playoff, in attesa delle altre sfide. Grande spettacolo anche tra Fermana e Rimini, con i padroni di casa che ritrovano i tre punti dopo dieci turni: apre Sorrentino, rispondono Gigli e Garetto, poi pareggia l’ex Juve Giandonato e infine Sorrentino sigla il definitivo 3-2.

Profondo rosso(azzurro) Catania

Il Catania non riesce ad uscire dalla crisi e perde anche in casa contro il Giugliano. La squadra di Zeoli vive un brutto momento, con una sola vittoria all’attivo nelle ultime sette giornate. Il pericolo playout incombe e per una dirigenza che ha puntato su un mercato con giocatori alla Sturaro sarebbe un grande fallimento.

Al “Massimino” la gara offre spettacolo. Cianci porta avanti i siciliani che tengono la porta al sicuro per tutto il primo tempo. Nella ripresa i rossazzurri calano e vengono ripresi da Salvemini. Ciuferri al 69′ completa la rimonta ospite, ma i padroni di casa non si danno per vinti e trovano il 2-2 con Bouah dopo appena due minuti. Nel momento cruciale del match il Catania è disattento a all’87’ subisce la doppietta di Salvemini che li condanna all’ennesimo risultato negativo.