La vittoria contro la Lucchese non ha placato la contestazione dei tifosi del Pescara. Dopo le frasi contro la società sulle vetrate degli uffici, ora le proteste hanno raggiunte dei livelli eccessivi. Sono stati esposti dei manichini con i nomi del presidente Sebastiani e del ds Delli Carri, appesi all’esterno dello Stadio, all’ingresso della Curva Nord. Un gesto che ha portato anche all’intervento della Digos.

Pescara, manichini appesi: cosa è successo “Via da Pescara”: tifosi contro Sebastiani Pescara, il momento della stagione

Pescara, manichini appesi: cosa è successo

Il Pescara non sta vivendo un bel momento. Il club, dopo le condizioni di salute precarie di Zeman, sta affrontando ora un faccia a faccia con i tifosi, delusi dal comportamento della società. Dai cori fino agli striscioni in varie zone della città agli atti vandalici al campo d’allenamento, ora si è arrivati anche ad esporre due sagome vestite con una tuta bianca, con i nomi dei diretti interessati sul petto. Sebastiani e Delli Carri non erano a conoscenza dell’accaduto, prima che le foto circolassero sul web. La Digos è già al lavoro per cercare di identificare i colpevoli.

Folle protesta a Pescara @PescaraCalcio #sportitalia @tvdellosport @tancredipalmeri @Glongari @AlfredoPedulla pic.twitter.com/qin7N3CQuZ

— Michele Criscitiello (@MCriscitiello) March 1, 2024

“Via da Pescara”: tifosi contro Sebastiani

Il brutto gesto all’”Adriatico” è solo la punta dell’iceberg di una contestazione che dura da tempo e che si è trasformata in azioni becere e da condannare. Solo qualche giorno fa comparivano scritte come “Via da Pescara” o “Sebastiani pezzo di m**da”. Adesso si è arrivati a un punto molto pericoloso e l’intervento degli addetti ai lavori è necessario per cercare di tenere sotto controllo la situazione in vista anche delle prossime partite di Serie C.

Pescara, il momento della stagione

Il Pescara ha vissuto un febbraio nero con due sconfitte per 4-0 contro Gubbio e Vis Pesaro e una di misura in casa contro la Spal. Risultati deludenti contro squadre non di primissima fascia, che hanno fatto perdere quota ai biancazzurri in classifica. Ora occupano il sesto posto a 27 punti di distanza dalla capolista Cesena e quindici dalla Torres. Gli abruzzesi sono in piena lotta playoff e la quarta posizione darebbe un grande vantaggio. L’obiettivo è alla portata del club, che però non vive al momento un momento sereno e questo potrebbe influire in modo negativo sul percorso.