Ha deciso dopo averci pensato a lungo: Jannik Sinner non giocherà contro Felix Auger-Aliassime e si ritira dal torneo di Madrid. Il problema all’anca c’è e l’altoatesino ha preferito rinunciare al quarto di finale del torneo spagnolo piuttosto che compromettere una eventuale partecipazione agli Internazionali di Roma dove sa che le aspettative, le attese e la partecipazione sono di un livello altissimo, come mai accaduto in precedenza.

Sinner si ritira da Madrid: l’annuncio Jannik sui social: “Molto triste dovermi ritirare” Salta la rivincita con Auger-Aliassime Djokovic sempre più vicino: Jannik “vede” la vetta

Sinner si ritira da Madrid: l’annuncio

A darne, per primi, l’annuncio sono stati gli organizzatori del torneo con una nota attraverso cui s’è annunciato che “Jannik Sinner si ritirerà dal Mutua Madrid Open per un infortunio all’anca destra. Non scenderà in campo nella partita dei quarti di finale contro Felix Auger-Aliassime. Riprenditi presto, Jannik!”, si legge in coda al testo reso pubblico.

Very sad to have to withdraw from my next match here in Madrid. My hip has been bothering me this week and has slowly been getting more painful. Taking the advice from the doctors we decided it’s best to not play further and make it worse. pic.twitter.com/QJX9WVA4Np

— Jannik Sinner (@janniksin) May 1, 2024

Comunque sia, ad attendere Sinner continua a esserci una scalata verso la vetta del ranking che difficilmente Novak Djokovic saprà arginare. Forse più del serbo sono i problemi fisici dovuti ai tanti impegni accumulati negli ultimi tempi a preoccupare Sinner, che pure ha dimostrato di sapersi riprendere in fretta dagli acciacchi.

Jannik sui social: “Molto triste dovermi ritirare”

A ruota è intervenuto anche Sinner, che ha affidato il proprio pensiero ai social:

È molto triste dovermi ritirare dalla mia prossima partita qui a Madrid. La mia anca mi ha dato fastidio questa settimana e la cosa sta lentamente diventando più dolorosa. Seguendo il consiglio dei medici abbiamo deciso che fosse meglio non giocare oltre e rischiare di peggiorare la situazione. Nei prossimi giorni farò altri esami e seguirò i consigli degli specialisti sul recupero. Grazie ragazzi per tutto il vostro supporto.

Salta la rivincita con Auger-Aliassime

Auger-Aliassime – e Jannik lo sa bene – sarebbe stato avversario temibile e in grado di provocargli un alto dispendio di energie. Il canadese è uno dei pochi tennisti a vantare un ruolino di marcia migliore rispetto a Sinner negli scontri diretti (curiosità: anche Medvedev, possibile se non probabile avversario in semifinale, è avanti nei confronti diretti con Jannik, pur avendo perso gli ultimi 5 match disputati). Auger-Aliassime ha vinto entrambe le partite giocate contro Sinner: la prima, guarda un po’, giocata proprio sulla terra di Madrid due anni fa (secco 6-1 6-2), la seconda sul cemento di Cincinnati, sempre nell’estate del 2022, quando dovette però rimontare dopo aver ceduto il primo set (2-6 7-6 6-1).

Jannik Sinner has withdrawn from the Mutua Madrid Open with a right-hip injury. As a result, he will not take to the court on Thursday to play his quarter-final match against Felix Auger-Aliassime.

Get well soon, @janniksin 😘 pic.twitter.com/iWFdtEgWrC

— #MMOPEN (@MutuaMadridOpen) May 1, 2024

Quello però era tutto un altro Felix: all’epoca era infatti nella top ten mondiale, mentre Jannik non aveva ancora messo piede tra i primo 10 giocatori al mondo (in entrambi i casi si presentò da numero 12). Oggi il canadese è scivolato fuori dalla top 30 e vanta un record nel 2024 di 15 vittorie e 10 sconfitte, con la semifinale conquistata a inizio febbraio a Montpellier come miglior risultato (sulla terra ha centrato i quarti a Monaco di Baviera, battuto da Struff).

Djokovic sempre più vicino: Jannik “vede” la vetta

Sinner sa perfettamente che questo è il momento per spingere forte sull’acceleratore. Perché Madrid era un pozzo di punti senza fine: non avendo disputato l’edizione 2023, ogni passaggio del turno sarebbe stato un guadagno secco nella Race ma soprattutto nella rincorsa a Djokovic, oggi distante 1.130 punti (ne restavano per Jannik 800 da qui a domenica, in base all’avanzamento nel torneo).

Nei pensieri di Sinner c’è la consapevolezza di trovarsi nelle condizioni migliori possibili per sferrare l’assalto decisivo, senza dover necessariamente attendere il Roland Garros (dove Djokovic dovrà difendere i 2.000 punti della vittoria dell’anno passato). Non sarà Madrid, ripartirà da Roma.

La volontà di Jannik di stringere i denti e non rinunciare a giocare sulla terra madrilena, al netto di un’anca che qualche grattacapo lo offre, era anche dettata dai calcoli del ranking. L’ovazione che il pubblico del campo 2 gli ha riservato, poi, è stato il valore aggiunto per il quale ha cercato di stare dentro fino alla fine. L’affetto incondizionato che lo circonda, adesso, Sinner lo percepisce eccome. Per quanto fosse importante restituirlo, Jannik sa altrettanto bene che mettersi nelle condizioni di rinunciare a Roma sarebbe stato un dolore atroce. E ha scelto di preservare la partecipazione agli Internazionali.