Manca sempre meno all’inizio del Roland Garros è una prima deadline è fissata per giovedì, quando è in programma il sorteggio. Jannik Sinner allo Slam parigino vuole fortissimamente esserci. Dopo aver saltato Roma, non vuol mancare l’appuntamento con la terra rossa francese. Jannik non ha mai vinto un torneo su questa superficie, gli piacerebbe farlo proprio in questa circostanza. Vorrebbe dire accomodarsi sul gradino più alto della classifica ATP da vincitore e non semplicemente “sfruttando” le disgrazie dell’unico competitor che potrebbe sottrargli lo scettro: Novak Djokovic.

Sinner, la riabilitazione in vista del Roland Garros Jannik a Parigi: ecco quando decide se giocare il torneo Roland Garros, giovedì il sorteggio con Rafa mina vagante

Sinner, la riabilitazione in vista del Roland Garros

La presenza o meno di Sinner in tabellone dipenderà essenzialmente dalle sensazioni di Jannik e dalle valutazioni del suo staff sullo stato del problema all’anca destra, che lo ha costretto a disertare gli Internazionali. Durante il torneo, che si è giocato senza di lui e ha visto il trionfo di Alexander Zverev, Jannik ha trascorsi dei giorni a Torino, al J Medical, e ha poi ripreso gradualmente gli allenamenti a casa sua, a Montecarlo. Adesso è in programma il trasferimento a Parigi. Con lui i coach Simone Vagnozzi e Darren Cahill e, naturalmente, il preparatore atletico Umberto Ferrara.

Jannik a Parigi: ecco quando decide se giocare il torneo

Raggiunta la capitale francese, Sinner proverà subito a testare le sue condizioni sul campo. Anzi sui campi, più di uno, del Roland Garros. L’obiettivo è prendere confidenza col Court Filippe Chatrier, ma non solo. Senza forzare più di tanto. Se grande è la voglia di misurarsi col torneo francese e conquistare sul campo la prima posizione nel ranking, altrettanto vivo è infatti il timore legato a eventuali ricadute. Il rischio di possibili recrudescenze dell’infiammazione all’anca non è da sottovalutare. Insomma, il fatto che Sinner e il suo staff vadano a Parigi non vuol dire – ancora – che Jannik prenderà certamente parte al torneo. Lo deciderà in extremis.

Roland Garros, giovedì il sorteggio con Rafa mina vagante

In ogni caso, entro le 14 di giovedì dall’entourage di Sinner dovrà arrivare una risposta all’organizzazione sulla sua presenza. È in ballo infatti la preparazione del tabellone delle teste di serie e ai vertici dello Slam parigino non farebbe piacere se, al suo posto, dovesse subentrare un lucky loser. Meglio scalare, eventualmente, tra giocatori comunque di livello alto, con ingresso nel main draw del numero 33 del seeding. A proposito di sorteggio: c’è un “rischio” per Sinner e non di poco conto. Una mina vagante di tutto rispetto, quale possibile avversario addirittura già al primo turno: un certo Rafa Nadal, spagnolo di Maiorca. Dicono sia bravino.