Un terremoto sta investendo il calcio spagnolo in queste ore. La federazione calcistica iberica (Rfef) è infatti al centro di un’indagine per corruzione, cattiva amministrazione e riciclaggio di denaro.

Federcalcio spagnola nella bufera Il coinvolgimento di Piquè Rubiales si proclama innocente

Federcalcio spagnola nella bufera

Questa mattina la Guardia Civil ha fatto irruzione in uffici ed altre proprietà della Federazione arrestando sette persone. Le perquisizioni sono state ordinate da un giudice istruttore di Majadahonda, che sta indagando su contratti sospetti durante il mandato di Luis Rubiales come presidente della Rfef sottoscritti negli ultimi cinque anni. In particolare, nel mirino degli inquirenti, ci sarebbe anche l’accordo per organizzare la Supercoppa spagnola a quattro squadre in Arabia Saudita dal 2019 per 40 milioni di euro a stagione, che venne completato dallo stesso Rubiales insieme all’ex giocatore del Barcellona Gerard Piqué che potrebbe venire a sua volta coinvolto nella vicenda.

Il coinvolgimento di Piquè

Fino al 2029, infatti, il torneo sarà di scena in terra araba con un accordi che porta un valore complessivo di 240 milioni di euro da distribuire tra Federazione, club e l’agenzia intermediaria. Il contratto fu sottoscritto nel settembre 2019 da Luis Rubiales, con l’azienda “Kosmos” che fa capo a Gerard Piqué, che ha mediato poi le trattative col governo saudita. L’operazione ha contato globalmente 11 perquisizioni in diversi luoghi della Spagna, tra cui la Granda, regione dove risiede Rubiales. Quest’ultimo però è sfuggito all’arresto in quanto da circa un mese si trova nella Repubblica Dominicana.

Rubiales si proclama innocente

L’ex presidente, dimessosi dall’incarico dopo la bufera al seguito del bacio “rubato” alla giocatrice Jenni Hermoso, si è proclamato innocente, ma resta sotto indagine penale: è stato inoltre bandito per tre anni da ogni attività calcistica della Fifa. Secondo fonti investigative riportate da alcune testate iberiche, fra gli arrestati ci sarebbero Tomas Gonzalez Cueto, consulente legale esterno della Federazione ed ex braccio destro di Rubiales, e Pedro Gonzalez Segura, coinvolti direttamente nell’accordo con l’Arabia Saudita.

Rubiales sempre nell’occhio del ciclone, la Federcalcio lo scarica