A otto giorni di distanza dalla sfida del Massimino di Catania, l’Avellino ha ritrovaro l’arbitro Valerio Crezzini, designato per la semifinale di ritorno Vicenza-Avellino. Il ricordo con i lupi non è di certo incoraggiante se si pensa all’espulsione di Cancellotti dopo 47 secondi corretta dal Var. E a proposito di Var ieri al Menti c’era un ex arbitro di A, Marco Serra, famoso in negativo per il gol che annullò al Milan con lo Spezia fischiando un dubbio fallo senza dare il vantaggio ai rossoneri. Serra è stato dismesso come arbitro di campo nella scorsa estate e dall’avvio della stagione 2023/2024 è unicamente al VAR. “L’avvicendamento di Serra è stato esclusivamente per motivi tecnici, non è dipeso dalla lite con Mourinho”: spiegò il designatore della CAN Serie A – Serie B, Gianluca Rocchi, sulla decisione assunta di comune accordo con il fischietto piemontese, protagonista di un litigio con José Mourinho durante Cremonese-Roma del febbraio 2023. Vediamo come se la sono cavata ieri.

I precedenti di Crezzini con Vicenza e Avellino L’arbitro ha espulso due giocatori e ne ha ammoniti sette Vicenza-Avellino, i casi da moviola

I precedenti di Crezzini con Vicenza e Avellino

Il direttore di gara toscano ha un precedente con i biancorossi: si tratta di Padova – L.R. Vicenza (1-1) di questa stagione. Crezzini ha diretto una sola volta anche gli irpini ma il precedente è molto più recente, come detto, avendo diretto Catania-Avellino (1-0) gara di andata dei quarti di finale di questi playoff.

L’arbitro ha espulso due giocatori e ne ha ammoniti sette

Coadiuvato dagli assistenti Pressato e Monaco con Cavaliere IV uomo, Serra al Var e Muto all’AVar, l’arbitro ha ha espulso due giocatori e ne ha ammoniti sette: : espulsi al 29′ st Golemic (V) per fallo di reazione e Armellino al 34′ st per doppia ammonizione. Ammoniti Proia (V), Gori (A), Della Morte (V), Patierno (A), Armellino (A), Palmiero (A), Marconi (A). Recupero: 3′ pt, 7′ st

Vicenza-Avellino, i casi da moviola

Questi gli episodi dubbi. Al 28′ si accendono gli animi al Menti. Proteste biancorosse per un fallo (netto) su Ronaldo non sanzionato. Al 39′ cross tagliato di Della Morte, sul secondo palo si avventa Costa che viene anticipato d’un soffio da Sgarbi. Proteste biancorosse per un tocco con un braccio del numero 11 irpino ma per il direttore di gara (e il Var) è tutto regolare. Nella ripresa dopo il gol del 2-0 del Vicenza partita sospesa per il tentativo di invasione di alcuni tifosi dell’Avellino che poi iniziano a lanciare fumogeni e petardi in campo e all’indirizzo del settore Distinti. Al 28′ intervento in ritardo di Ronaldo su Frascatore, per l’arbitro è rigore.

Segna Patierno ma succede il finimondo. I giocatori dell’Avellino si precipitano sul pallone, ne nasce un parapiglia, si affrontano Golemic e Palmiero: il numero 6 biancoverde finisce a terra, cartellino rosso per il capitano biancorosso, solo giallo invece per Palmiero. La parità numerica si ristabilisce al 39′ quando viene espulso Armellino (doppio giallo) per un colpo proibito a Costa in area. Vicenza-Avellino finisce 2-1.